Sanità, inchiesta clinica Velletri: assolti Angelucci e altri 13

Nav

Roma, 24 set. (askanews) - Antonio e il figlio Giampaolo Angelucci ed i dirigenti del San Raffaele "esprimono la loro soddisfazione per la decisione del Tribunale di Roma che oggi li ha assolti con formula piena da tutti i reati ipotizzati dalla Procura di Velletri dopo ben 16 anni di processo".

In una nota del noto centro ospedaliero di ricerca si aggiunge che "questa decisione conferma il rispetto per la Magistratura nei cui confronti hanno sempre avuto piena fiducia e rafforza il convincimento sempre avuto nella Giustizia". Insomma "questa sentenza restituisce dignità ed onore anche alle centinaia di lavoratori del San Raffaele Velletri che così vedono riconosciuto il loro impegno a favore di migliaia di pazienti".

In particolare l'assoluzione per Antonio e Giampaolo Angelucci è arrivata perché "il fatto non sussiste". La Procura contestava l'accusa di associazione per delinquere finalizzata alla truffa ai danni del sistema sanitario del Lazio e tutto per favorire una clinica di Velletri. La sentenza di oggi è stata emessa dalla IV sezione collegiale. Nel complesso sono cadute le accuse anche per altre tredici persone. La vicenda risale al periodo che va dal 2004 al 2010.