Sanità, la rivoluzione verde degli ospedali vale 15 mld investimenti -2-

Mpd

Roma, 15 ott. (askanews) - Secondo le stime di Agenas, il sistema sanitario pubblico spende ogni anno 6 miliardi per elettricità, riscaldamento e manutenzione degli impianti energetici. "Convertire ad energie 'verdi' le strutture ospedaliere italiane, secondo le nostre stime attiverebbe investimenti privati per un valore compreso fra 12 e 15 miliardi - spiega Stefano Maestrelli, dirigente della Usl Toscana Nord Ovest che ha già bandito due gare per la riconversione di 11 strutture sanitarie dell'area costiera toscana -. Questi investimenti, fatto il saldo tra il canone da pagare al privato e il risparmio ottenuto in bolletta, garantirebbero una riduzione della spesa ordinaria della pubblica amministrazione pari a circa un miliardo l'anno per ogni anno della durata del contratto. I contratti sono decennali, quindi parliamo di un risparmio di 10 miliardi per le casse pubbliche: un importante contributo al bilancio statale, attraverso la green economy".

L'azienda sanitaria toscana ha bandito due gare dal valore complessivo di 56 milioni per la conversione energetica di 21 edifici (dei quali 11 ospedali): il risparmio ottenuto dall'ente pubblico è di 3,7 milioni l'anno per 10 anni. "Abbiamo impianti nuovi e la manutenzione garantita - aggiunge Maestrelli - In termini di impatto ambientale, la Co2 risparmiata con la conversione energetica equivale a 15mila veicoli l'anno in meno a giro per le strade toscane o, se volete, a 35mila nuovi alberi piantati. I cantieri attivati hanno generato 75 nuovi posti di lavoro, personale che dovrà occuparsi della manutenzione degli impianti e della gestione del contratto. Estendere questa novità a tutto il sistema ospedaliero nazionale è un'occasione per far ripartire gli investimenti privati, far risparmiare miliardi che lo Stato spende in bollette, fare bene all'ambiente e creare nuova occupazione".