Sanità Lazio, D'Amato a Righini: no bugie su ospedale Subiaco

Bet

Roma, 23 gen. (askanews) - "Il maldestro tentativo del consigliere regionale Righini di contrapporre l'ospedale di Subiaco con la REMS (Residenza per l'esecuzione delle misure di sicurezza) è assolutamente fuori luogo". Lo afferma l'Assessore alla Sanità e l'Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D'Amato. "Voglio ricordargli che l'ospedale di Subiaco ha recentemente avuto un finanziamento da 1 milione e 385 mila euro per i reparti di lungodegenza e medicina generale e sono in corso i cantieri per il Pronto soccorso e l'Elisuperficie per un totale di ulteriori 500 mila euro finanziati da questa Giunta. L'ospedale di Subiaco rientra pienamente nella programmazione della rete ospedaliera regionale, mentre questo non accadeva in passato quando è stato a rischio chiusura" sottolinea D'Amato. "Il tentativo di mettere in contrapposizione i pazienti in cura presso l'ospedale con quelli della REMS è una caduta di stile. Il nostro compito è quello di offrire la migliore assistenza a tutti. Il superamento degli OPG (ospedali psichiatrici giudiziari) è stato un atto di civiltà e sono fiero che la Regione Lazio sia stata la prima in Italia ad adempiere" chiude l'assessore.