Sanità, M5S Piemonte: cittadini non sono bancomat della politica

Prs

Torino, 15 gen. (askanews) - "Lasciano più che perplessi le dichiarazioni dell'assessore Icardi rispetto all'utilizzo degli erogatori privati per gestire un importante presidio di sanità qual è il pronto soccorso. I privati presenteranno il conto alla Regione, e dunque ai cittadini piemontesi, sebbene sotto forma di tasse e imposte. A pagare sarà sempre Pantalone". Così il Gruppo consiliare del Movimento 5 Stelle in Piemonte.

"Nessuna demonizzazione per i privati che consideriamo degli importanti soggetti appartenenti al sistema sanitario nazionale, ma vorremmo vedere attuate le norme introdotte a livello nazionale per potenziare le piante organiche delle aziende sanitarie regionali", hanno precisato i pentastellati piemontesi in una nota.

"A tal proposito aspettiamo l'aggiornamento della delibera di Giunta regionale rispetto all'individuazione del fabbisogno di personale delle Asr per il prossimo triennio. Il tempo della campagna elettorale è finito, ora i cittadini si aspettano servizi efficienti e non la solita propaganda", hanno concluso.