Sanità: Meritocrazia Italia, 'la medicina territoriale deve diventare realtà'

·2 minuto per la lettura

"Il Pnrr offre opportunità importanti per il rilancio dell’economia, ma anche per la ristrutturazione del sistema sanitario. Con l’emergenza pandemica è venuta all’evidenza l’importanza strategica di una medicina territoriale adeguatamente organizzata. Per la realizzazione dell’obiettivo, però, occorrono investimenti non soltanto strutturali, ma soprattutto in termini di capitale umano (medici di famiglia, pediatri di libera scelta, specialisti ambulatoriali, farmacisti, oltre al personale operante in Rsa, Ra, Rada e centri diurni). E invece le risorse che il Pnrr destina alla Sanità (27 miliardi) sono indirizzate quasi esclusivamente alla costituzione di circa 1250 ‘case comunità’". Così in una nota Meritocrazia Italia.

"Le risorse per l’assistenza, la prevenzione e la cura - rileva la nota - dovrebbero essere stanziate dal piano sanitario nazionale, che però non prevede alcun incremento; anzi, lo stanziamento per la Salute passa dal 6,7% del Pil al 6,4% in pochi anni. È certo che le ‘case di comunità’ o ‘case della salute’ costituiranno un presidio indispensabile per garantire l’assistenza ai cittadini che vivono in Comuni anche non molto grandi (fino a 15.000 abitanti) (assistenza di base, cura della cronicità e della fragilità, diagnostica di primo livello, prevenzione e riabilitazione). Restano in disparte, però, i piccoli centri, i Comuni con un numero di abitanti ridotto, o ubicati in aree geografiche a popolazione particolarmente sparsa o anziana. Se le ‘Case della Salute’ fossero l’unico presidio territoriale, magari con un passaggio alla dipendenza di tutti i medici convenzionati che oggi operano sul territorio, tutti i cittadini residenti nelle aree rurali sarebbero privati dell’assistenza della quale godono oggi".

"Meritocrazia Italia - prosegue la nota - insiste nella proposta di immediata istituzione, almeno nei Comuni con un numero di abitanti inferiore a 10.000, di ‘Micro-Team’ costituiti da medico, infermiere e personale di studio (con medici convenzionati organizzati in relazione ai bisogni assistenziali della popolazione in modalità associative diverse, in base alla densità abitativa), riconoscendo la possibilità ai medici di famiglia e ai pediatri di libera scelta di assumere personale di studio e infermieristico al fine di garantire alla popolazione una migliore assistenza e l’apertura degli studi per un numero maggiore di ore, affinché sia perseguita la domiciliarità delle cure e la presa in carico della popolazione, garantendo effettività al diritto alla salute ex art. 32 cost", conclude nella nota Meritocrazia Italia.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli