Sanità pubblica, Gimbe: in 10 anni un saccheggio da 37 mld -2-

Rus

Roma, 16 set. (askanews) - Il Report Gimbe analizza entità e trend del definanziamento del SSN nel periodo 2010-2019, traccia le prospettive a medio termine tenendo conto delle risorse assegnate dalla Legge di Bilancio 2019 e delle previsioni del DEF 2019, analizza le ragioni della mancata stipula del Patto per la Salute che rischia di compromettere le risorse aggiuntive 2020-2021 e illustra la posizione dell'Italia rispetto ai paesi dell'OCSE e del G7 in termini di spesa sanitaria. Dal report emerge l'imponenza del definanziamento pubblico 2010-2019, visto che tutti i Governi per fronteggiare le emergenze finanziarie del Paese hanno ridotto la spesa sanitaria, di fatto il capitolo di spesa pubblica più facilmente aggredibile.

"Le prime dichiarazioni del neo Ministro della Salute - continua Cartabellotta - non lasciano dubbi sulla volontà di preservare e rilanciare una sanità pubblica e universalistica e di rifinanziare il SSN». Infatti, Roberto Speranza ha identificato nella carta Costituzionale il "faro" per il suo programma, affermando che "la spesa sanitaria non è un costo ma un investimento per la salute". Tuttavia, il Programma di Governo e il discorso per la fiducia alle Camere del Premier Conte, al di là della volontà di attuare "un piano straordinario di assunzioni di medici e infermieri", contengono solo un generico impegno a difendere la sanità pubblica, senza prevedere esplicitamente il rilancio del finanziamento per il SSN. «In tal senso - puntualizza Cartabellotta - la prima cartina al tornasole è rappresentata dall'imminente Nota di Aggiornamento del DEF 2019: ad esempio, se si volesse attuare la cosiddetta "Quota 10" proposta dal Partito Democratico (€ 10 miliardi di investimenti aggiuntivi nei prossimi 3 anni) occorrerebbe incrementare il rapporto spesa sanitaria/PIL almeno dello 0,2-0,3% per ciascuno degli anni 2020-2022".(Segue)