Sanità, Regione Lazio esce da commissariamento

webinfo@adnkronos.com

di Enzo Bonaiuto 

La Regione Lazio esce dal commissariamento sanitario: lo certifica la Conferenza Stato-Regioni presieduta dal ministro per gli Affari regionali Francesco Boccia al palazzo della Stamperia ed esulta il governatore Nicola Zingaretti. "In due giorni, la regione Lazio ha fatto tre goal: ieri, il dato del più alto numero di imprese nel 2019; oggi, l’inaugurazione a Frascati del più importante centro di produzione nucleare di energia pulita in Europa e forse nel mondo; ora, l’uscita dopo 11 anni dal commissariamento - sottolinea Zingaretti - questo vuol dire molto, vuol dire che c’è un riformismo che cambia le cose e che ha portato il disavanzo di 2 miliardi di euro a un attivo di alcuni milioni di euro". 

Per il presidente del Lazio, "adesso si apre una bella stagione di assunzioni per rafforzare la qualità degli operatori sanitari e anche di investimenti per centinaia di milioni di euro in infrastrutture sanitarie. Vogliamo costruire un modello di difesa del diritto alla salute originale e nuovo, che unisca alle grandi strutture di eccellenza la sanità territoriale e domiciliare e fare una grande squadra del grande patrimonio costituito dai policlinici universitari. Ce l’abbiamo fatta: ora, si volta pagina", assicura Zingaretti.