Sanita': indagine, farmacisti piacciono a italiani ma per il 56% sono casta

Roma, 17 apr. (Adnkronos Salute) - I farmacisti mantengono intatta la loro immagine positiva tra gli italiani nonostante le tante polemiche che hanno accompagnato, negli ultimi mesi, le liberalizzazioni e le novità legislative in materia. I cittadini, infatti, promuovono la categoria, con voti positivi per il 94% del campione anche se il 56% la considera una casta e quasi l'80% ritiene si tratti di un gruppo di potere forte. Che, comunque, offre un servizio di qualità. Nota negativa: soprattutto i prezzi elevati. E' la fotografia scattata dall'Ispo di Renato Mannheimer su richiesta di Federfarma, che ha presentato i risultati questa mattina a Roma, proponendo sia la percezione dei cittadini che quella degli opinion leader (dirigenti di grandi aziende, giornalisti, economisti, istituzioni) persone cioè che orientano l'opinione pubblica.

"Abbiamo voluto quest'indagine - ha spiegato Annarosa Racca, presidente di Federfarma - per capire se dopo questi mesi difficili, in cui abbiamo subito come categoria molti attacchi, i cittadini continuavano ad avere una buona opinione di noi, come hanno sempre dimostrato analisi precedenti. E siamo ovviamente soddisfatti dei risultati". Le farmacie raccolgono, per il servizio offerto, una vera ovazione di consensi con voti positivi anche per l’89% degli opinion leader. In generale gli italiani considerano le farmacie: un servizio utile (90% popolazione 97%, opinion leader) , punto di riferimento per il territorio (88% popolazione, 81% tra gli opinion leader) dispensatrici di buoni consigli (88% popolazione, 81% opinion leader); supporto alla relazione medico-paziente (81% popolazione; 73% opinion leader).

La percezione di gruppo di potere non manca, specie tra gli opinion leader: 79% della popolazione e 83% degli opinion leader ritiene che le farmacie siano un gruppo di potere molto forte nel nostro Paese. E molti (specie opinion leader: 85%) ritengono che si tratti di una casta. Ma è minoritaria la quota di quanti ritengono che “invece di essere al servizio dei cittadini pensano solo ai propri interessi” (41% popolazione e 34% opinion leader) e i più la ritengono una “categoria onesta” (76% popolazione, 69% opinion leader). Infine il 45% della popolazione e il 59% degli opinion leader ritiene che la qualità del servizio offerto dalle farmacie sia migliorata nell’ultimo decennio. E si afferma la fedeltà: il 71% della popolazione dichiara di avere una farmacia di fiducia in cui si reca regolarmente.

Per approfondire visitaAdnkronos
Ricerca

Le notizie del giorno