Sanita' Lombardia: 129 mila mq e 700 posti letto per futura Citta' Salute

Milano, 6 lug. (Adnkronos Salute) - Un colosso da 129 mila metri quadri destinato alla sanità e alla ricerca pubblica, che ospiterà fino a 705 posti letto, oltre un day center per le prestazioni in regime ambulatoriale e diurno. E spazi per l'accoglienza dei familiari dei pazienti. La futura Città della salute e della ricerca comincia ad assumere una fisionomia. Dopo l'ufficializzazione del 'nuovo indirizzo' - l'area ex Falck di Sesto San Giovanni - in cui traslocheranno l'Istituto nazionale tumori (Int) e il neurologico Besta di Milano, il presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni accelera i tempi.

Oggi la prima riunione del Comitato dell'Accordo di programma per la realizzazione del nuovo complesso sanitario-scientifico che avrà una sua estensione nel centro di ricerca oncologica alle porte di Milano, il Nerviano Medical Sciences (Nms). Al vertice erano presenti la Regione, il ministero della Salute con Filippo Basso, il sindaco del Comune di Sesto Monica Chittò, i presidenti degli Irccs Alberto Guglielmo (Besta) e Giuseppe De Leo (Int) e anche il Comune di Milano, con l'assessore Laura De Cesaris, "che partecipa a pieno titolo", sottolinea Formigoni.

La scelta di Sesto, ribadisce ancora una volta il governatore, "non è solo urbanistica, come qualcuno ha detto, ma ha una precisa valenza sanitaria e scientifica". Si tratta di "un'iniziativa pubblica pensata per fornire una nuova piattaforma di sviluppo per strutture di eccellenza nella clinica e nella ricerca, che necessitano di nuovi spazi e prospettive di sviluppo per crescere ed essere ancora più competitive, anche nei confronti della sanità privata". Int e Besta "diventeranno un sistema pubblico integrato di funzioni complesse di portata nazionale e internazionale, in un tessuto urbano oggetto di un grande rinnovamento, che si sta sviluppando nell'ottica della nuova Città metropolitana". L'inizio dei lavori, secondo il calendario di massima che è stato stabilito, è previsto per marzo 2014, con la firma dell'Accordo di programma entro marzo 2013.

La Città della Salute, spiega Formigoni, "realizzerà sinergie con la rete ospedaliera del quadrante Nord-est". Ci sarà spazio per le "sperimentazioni tecnologiche", la piastra di diagnosi e cura sarà tra le più grandi nel Paese. E poi ci sono i laboratori di ricerca traslazionale, i blocchi interventistici, e l'asse con Nerviano, un altro pezzo della Città della Salute e della ricerca. Nascerà "un vero e proprio distretto tecnologico", assicura Formigoni, rafforzato dalla vocazione di Nms per la ricerca pre-clinica e la farmaco-genomica.

Il progetto, ricordano i promotori, prevede anche spazi dedicati all'accoglienza dei pazienti e dei loro parenti. Già adesso, infatti, oltre il 50% delle persone che si curano al Besta e all'Int viene da fuori regione. L'area di Sesto San Giovanni è servita con collegata con metropolitana M1, autobus dell'area urbana e provinciale, linee ferroviarie e sistema aeroportuale, ha un accesso diretto al sistema autostradale con lo svincolo sulla tangenziale Nord, e disponibilità di aree da dedicare a parcheggi per il personale sanitario, ricercatori, pazienti e visitatori. "Non avremmo potuo fare altrettanto nelle aree degli ospedali Niguarda e Policlinico di Milano, protagonisti di importanti trasformazioni", ribadisce il governatore.

La Città della Salute nascerà all'interno di una macroarea (ex Falck) di 450 mila metri quadri totali e si svilupperà nel cosiddetto comparto 'Unione' (260 mila metri quadri dedicati ad aree pubbliche). Nelle strutture del polo 17 mila metri quadri saranno dedicati alla ricerca, 75 mila alle funzioni sanitarie, 38 mila ai servizi di supporto. Per l'Int saranno predisposti 482 posti letto, 223 per il Besta, e di questi 24 saranno di terapia intensiva. Ci saranno 12 sale operatorie (4 ibride), 4 di radiologia interventistica, 5 di endoscopia interventistica, 3 di endoscopia diagnostica. E ancora 20 sale di diagnostica per immagini, 6 Risonanze magnetiche (Rmn), 3 Tac, oltre che 11 bunker per la radioterapia e 3 sale simulatore (fisica sanitaria), 10 sale diagnostica di medicina nucleare.

Per approfondire visitaAdnkronos
Ricerca

Le notizie del giorno