I sanitari sono in organico a tre spot medici della Toscana che curarono Mariarosa Intilia

La Procura sta indagando su 50 medici per un decesso
La Procura sta indagando su 50 medici per un decesso

Presunto caso di malasanità in Toscana e donna morta dopo un intervento al cuore: indagati 50 medici. I sanitari iscritti a registro sono in organico alle strutture sanitarie della Toscana che curarono Mariarosa Intilia, una 69enne originaria di Udine deceduta in seguito a un’operazione al cuore. Dopo la chiusura indagini ai sensi del 415 Bis Cpp e la richiesta di processo fra pochi giorni gli indagati saranno davanti al giudice dell’udienza preliminare.

Morta dopo un intervento al cuore

I medici sono in servizio in tre strutture ospedaliere: Don Gnocchi, Opa e Noa, tutte in provincia di Massa Carrara, più l’ospedale di Cisanello a Pisa. La donna era spirata a tarda primavera e lo scorso 21 giugno era stata eseguita l’autopsia. Mariarosa si trovava in visita da alcuni parenti a Massa Carrara ma aveva avuto problemi di cuore. Per quei problemi di salute la donna si era dovuta rivolgere a Pisa per sottoposti a un intervento chirurgico. Dopo l’intervento, pare senza complicazioni, la 69enne era stata trasferita alla struttura di riabilitazione di Marina di Massa.

Il dolore al braccio ed i trasferimenti

Lì, dopo poco più di una settimana, Mariarosa aveva cominciato ad avere un dolore al braccio e alla spalla, dolore persistente. La donna era stata quindi sottoposta a un altro esame che aveva accertato un problema. Per quella complicazione insorta la prima struttura aveva scelto un trasferimento al Noa, dove i medici compresero immediatamente che il problema era serio. A quel punto il peregrinare della donna si era concluso all’ospedale del Cuore di Massa, dove la donna era morta e dove, dopo una denuncia ai carabinieri, era iniziata la coda penale della tragedia.