Sanremo 2017, Michele Bravi porta "Il diario degli errori". La nostra intervista

Quest’anno a Sanremo il cast dei Campioni è davvero eterogeneo: ci sono pilastri come Al Bano, Fiorella Mannoia e Ron, ma anche molti esordienti e giovani talenti.

Tra loro c’è anche Michele Bravi, 22 anni, nato a Città di Castello, seguitissimo sul web. Ecco la nostra intervista.

Michele Bravi

Dopo aver partecipato e vinto X Factor 2013, con un conseguente periodo di crisi sfociato nell’album I Hate Music, Michele Bravi ha aperto un canale Youtube che lo ha aiutato a superare le difficoltà. Oggi è un vlogger seguito da moltissimi ragazzi e sta coronando il sogno di cantare sul palco di Sanremo.

Un’occasione che aveva rifiutato dopo la vittoria del talent: “Avevo 18 anni, sentivo di non avere molto da dire per un palco come Sanremo, non ero pronto e non avevo un progetto serio.”

Oggi, dopo 3 anni di lavoro, Michele Bravi si presenta sul palco dell’Ariston con un brano intitolato “Il diario degli errori”, scritto dagli autori (e amici) Federica Abbate, Alfredo Rapetti (Cheope) e Giuseppe Anastasi.

Come stai vivendo il fatto che canterai a Sanremo?
Sono tranquillo, la sto vivendo bene: anzi non vedo l’ora, ho proprio voglia di salire sul palco! Questa è una possibilità così grande.

Carlo Conti si è preso un rischio scegliendomi per Sanremo, alla fine ho un progetto post-talent un po’ strano, che viene dal web. Per me questo è un Sanremo di presentazione, di questi ultimi 3 anni di lavoro.

Prima di Sanremo hai fatto una specie di “coming out” su Vanity Fair.
Oggi c’è sempre bisogno di classificare, di utilizzare categorie, mentre l’amore secondo me è fluido. Io non credo di essere coraggioso a dire quello provo, è semplicemente quello che ho vissuto.

“Il diario degli errori” è un pezzo autobiografico ma non l’hai scritto tu.
Di solito sono sempre presente e attivo nel processo creativo, ma gli autori che hanno scritto il pezzo mi conoscono così bene dal punto di vista umano che hanno interpretato perfettamente i miei stati d’animo.

Cosa indosserai per la serata di Sanremo?

Beh sarò vestito in modo diverso dal normale, di solito vado in giro un po’ come un barbone! Ma sono fortunato perché Armani ha deciso di abbracciare il mio progetto e vestirmi per l’esibizione.

Tu e Chiara Galiazzo, anche lei in gara, siete molto amici. Come la state vivendo?

Guarda purtroppo ci hanno messo in due hotel separati! Ma Chiara è davvero un’amica, e poi è una veterana, a cui posso chiedere consiglio, a volte mi si avvicina e mi dà consigli su come affrontare la cosa.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità