Sanremo 2020, Andromeda di Elodie: testo e significato

elodie

La canzone che Elodie presenta al Festival di Sanremo 2020, Andromeda, porta la firma di due eccellenti artisti: Mahmood e Dario Faini aka Dardust. Non si tratta della prima collaborazione tra la cantante e il vincitore della kermesse del 2019: Mahmood scrisse anche Nero Bali, interpretata da Elodie, Guè Pequeno e Michele Bravi nell’estate del 2018. Inoltre, nello stesso anno, il cantante di Soldi scrisse Sobrio, un altro duetto di Elodie e Guè Pequeno.

Elodie, Andromeda

L’ultima partecipazione di Elodie a Sanremo risale al 2017, quando la cantante si piazzò all’ottavo posto con Tutta colpa mia: nel 2020 porta invece il brano Andromeda. Il primo testo era stato scritto da Emma Marrone, mentre quello di quest’anno porta la firma di Mahmood e Dardust.

Dopo il grandissimo successo dell’ultimo singolo Margarita (Island Records) interpretato con l’attuale fidanzato Marracash, Elodie è pronta a salire sul palco dell’Ariston. Ancora prima di questo tormentone, in radio suonava Pensare Male, che Elodie ha realizzato con i The Kolors. La canzone “è una fotografia – ha spiegato l’autore -, quando un sentimento o un pensiero mi colpiscono davvero nel profondo, la prima cosa che mi viene da fare è prendere una chitarra e mettere il tutto in musica. E così è stato”. “Mi piacciono molto le sonorità di questo singolo – ha dichiarato invece la giovane cantante –, non avevo mai cantato prima con Stash e unirmi ai The Kolors per un featuring è stata proprio una bella esperienza“.

Elodie, Andromeda: il testo

di A. Mahmoud – D. Faini
Ed. Universal Music Publishing Ricordi – Milano

Dici sono una grande
Stronza che non ci sa fare
Una donna poco elegante
Tu non lo sai non lo saprai cosa per me è il vero dolore
Confondere il tuo ridere per vero amore
Una volta 100 volte chiedimi perché
Esser grandi ma immaturi è più facile ma perché
Forse non era ciò che avevi in mente
Ti vedrò come un punto tra la gente
Come un punto tra la gente
Non sai cosa dire se litighiamo è la fine
La mia fragilità e la catena che ho dentro ma
Se ti sembrerò piccola non sarò la tua Andromeda Andromeda
Andromeda Andromeda
Andromeda Andromeda
Forse ho solo bisogno di tempo forse è una moda
Quella di sentirsi un po’ sbagliati
Ci penso qua sul letto mentre ascolto da ore
La solita canzone di Nina Simone
Una volta 100 volte chiedimi perché
Esser grandi ma immaturi è più facile ma perché
Forse non era ciò che avevi in mente
Ti vedrò come un punto tra la gente
Non sai cosa dire se litighiamo è la fine
La mia fragilità e la catena che ho dentro ma
Se ti sembrerò piccola non sarò la tua Andromeda Andromeda
Andromeda Andromeda
Andromeda Andromeda
Andromeda Andromeda
Andromeda Andromeda
Non sarai mio marito mio marito no
Me ne vado a Paris vado a Paris però
Ti prego giurami tu giurami che non
Mi dirai mon ami mon ami ti prego
La mia fragilità e la catena che ho dentro ma
Se ti sembrerò piccola non sarò la tua Andromeda Andromeda
Andromeda Andromeda
Andromeda Andromeda
Non sai cosa dire se litighiamo è la fine