Sanremo 2020, Junior Cally a Gessica Notaro: “Sono dalla tua parte”

GessicaNotaroJuniorCally

Alla conferenza stampa del Festival di Sanremo 2020 Gessica Notaro è intervenuta per la prima volta esprimendosi su Junior Cally, finito al centro di un’accesa bufera per la sua canzone Strega. A poche ore di distanza (dopo essersi esibito sul palco dell’Ariston con il brano No grazie) il rapper ha risposto all’ex Miss schierandosi dalla sua parte e contro ogni tipo di violenza.

Junior Cally risponde a Gessica Notaro

“Sono totalmente contrario a ogni forma di violenza, di ogni tipo” ha dichiarato Junior Cally, in risposta alle pesanti accuse di Gessica Notaro. Per quanto riguarda Strega, il brano tacciato di sessismo e incitamento alla violenza, ha accusato i propri detrattori di “non voler capire” il reale significato del brano: “Se si ascolta Strega, nella seconda frase emerge il chiaro elogio alla non violenza. Mia madre, ex maestra elementare, ha capito appieno tutti gli artisti rap. Non si riesce a capire questo genere o non lo si vuole capire?”.

Sanremo 2020, la polemica

Finora Gessica Notaro non si era espressa su Junior Cally e, ha svelato in conferenza stampa, lo avrebbe fatto per non alimentare ulteriormente le polemiche che sono già state fatte contro il rapper. In conferenza stampa però l’ex Miss ha infine deciso di dire la sua e, sollevando un’immagine di Junior Cally con la maschera e una di se stessa con la fasciatura indossata a seguito delle ferite procurate dall’acido, ha dichiarato:

“Entrambi abbiamo la maschera, lui per fare show e idolatrare alla violenza e io per rimediare a una violenza subita.”

Insomma, è chiaro che Gessica Notaro condanni sempre la violenza e che forse, come molti altri, anche lei avrebbe preferito non vedere Cally sul palco dell’Ariston visto il testo fortemente violento del suo vecchio successo, Strega. Il pubblico si è diviso in merito alla partecipazione del rapper che, a sua volta, ha chiesto scusa per i possibili fraintendimenti dovuti al brano ma ha anche riferito che non temerebbe le eventuali contestazioni.

“Mi esibirò con rispetto per quel palco”, ha detto Cally, che nella seconda serata del Festival di Sanremo sarà sul palco dell’Ariston con una canzone che, questa volta, non avrebbe nulla a che vedere con la violenza di genere. Emma Marrone aveva preso le sue parti dichiarando che l’arte “debba essere libera di esprimersi”. A Sanremo saranno in tanti a pensarla come lei?