Sanremo 2020, quanto costano i biglietti? Prezzi alle stelle, è già polemica

Dall’8 al 14 gennaio sarà possibile acquistare in prevendita i biglietti per Sanremo 2020: sul sito sono stati ufficializzati i prezzi di biglietti e abbonamenti per seguire la kermess musicale direttamente in galleria o in platea all’Ariston dal 4 all’8 febbraio.

Sanremo 2020, prezzi dei biglietti svelati: ecco le cifre

Il dettaglio che non passa inosservato è che il costo è rimasto invariato rispetto allo scorso anno, tuttavia è scoppiata la polemica in rete perché le cifre sono ritenute da molti assolutamente impopolari. Leggi anche: >> QUANTO GUADAGNA AMADEUS? LA CIFRA CHE NON CI SAREMMO MAI ASPETTATI Il prezzo degli abbonamenti fissato in accordo con il comune che ospita la 70° edizione del Festival della Canzone italiana, ammonta a 672,00 euro per la galleria; per la platea il costo raddoppia a 1290,00 euro.

Sanremo 2020 prezzi dei biglietti troppo alti? La reazione del popolo del web

I biglietti singoli della galleria per assistere alle prime 4 serate – ove disponibili – si aggirano sui 100 euro, che diventano 320 per la finale. Per quanto riguarda la platea, invece, ogni biglietto singolo costa 180 euro sempre per le prime 4 serate: qualora fossero disponibili, i biglietti per la finale di Sanremo 2020 in platea costeranno 660 l’uno. Ricordiamo che i biglietti sono nominativi e potranno essere acquistati soltanto compilando un form online; inoltre al momento dell'ingresso all'Ariston dovrà essere presentato un documento d'identità insieme al ticket per poter entrare. Le critiche non sono tardate ad arrivare insieme alla palpabile indignazione degli utenti: si va da “Costano quanto il mio stipendio” a “Sono pazzi” anche se qualcuno spezza una lancia a favore e fa notare che i prezzi dei biglietti di Sanremo 2020 sono comunque più contenuti rispetto a quelli per assistere ad un concerto di Madonna. Cosa dobbiamo aspettarci dal 70° Festival? Sicuramente Tiziano Ferro tutte le sere, 10 volti femminili che faranno compagnia al conduttore sull'Ariston, probabilmente Fiorello e Benigni, ma non Jovanotti. Foto@Kikapress