Sanremo 2020: Simone Bertolotti interviene sulla lite tra Morgan e Bugo

sanremo 2020 bugo morgan simone bertolotti

Continua a fra discutere la lite tra Morgan e Bugo costata loro la squalifica dalla settantesima edizione di Sanremo 2020: sulla questione è intervenuto anche Simone Bertolotti, direttore d’orchestra che ha contribuito a comporre la musica di “Sincero”, il brano con cui la coppia gareggiava.

Sanremo 2020: parla Simone Bertolotti

Bertolotti ha fatto giungere la sua versione dei fatti tramite sul lungo post scritto sul suo profilo Facebook indirizzato a Red Ronnie. Quest’ultimo poche ore prima aveva reso pubblica una sua telefonata con Morgan in cui il cantante aveva accusato Bugo e il suo entourage per quanto accaduto. Una ricostruzione che il maestro ha definito del tutto irreale.

A differenza di quanto sostenuto da Castoldi ha poi aggiunto che Morgan “non aveva partecipato alla scrittura del testo e della musica del brano, e nelle settimane precedenti a Sanremo si è comportato più volte in modo non professionale“.

Il riferimento è a quando aveva presentato delle partiture “scritte in modo del tutto incompetente” per la cover da cantare nella terza serata, Canzone per te di Sergio Endrigo. Morgan ha più volte lamentato il fatto che i suoi spartiti non fossero stati utilizzati ma che l’orchestra li aveva riscritti. Versione confermata da Bertolotti (e anche da Valerio Soave, agente di Bugo) che però ha giustificato con il fatto che fossero inutilizzabili e insuonabili.

Le prove effettuate sulla cover erano dunque andate molto male nonostante la Rai avesse concesso a Bugo e Morgan maggiore tempo per provare. Per questa ragione Bugo in diretta si è trovato “disorientato dai continui cambiamenti di Morgan e dall’impossibilità di pianificare la performance“.

Per Bertolotti la responsabilità sarebbe dunque tutta di Morgan, che ha definito “un violento che offende il proprio partner e tutte le persone coinvolte“. Ha invece giustificato il gesto fatto da Bugo che secondo lui ha fatto l’unica cosa possibile. Ovvero difendere la propria dignità di uomo ed artista.