Sanremo 2020, Fiorello a Tiziano Ferro: “Sono stato male per gli insulti”

sanremo-2020-tiziano-ferro lettera Fiorello

Dopo aver usato un hashtag ironico per chiedere una riduzione dei tempi degli interventi di Fiorello, Tiziano Ferro ha scritto una lettera di scuse allo showman chiamato in causa. Alla vigilia della terza puntata del Festival di Sanremo, il cantante gli ha lasciato un foglio scritto a mano nel suo camerino. Alla lettera il mattatore ha risposto rimproverando il cantante che “ha fatto una cosa che non si fa. C’è un vigile che si è suicidato in questi giorni per gli attacchi sul web“.

La risposta di Fiorello

Fiorello non nasconde il proprio risentimento nei confronti di Tiziano Ferro, accusandolo di ipocrisia su un tema delicato come quello del cyberbullismo. “Un po’ di tempo fa [ospite di Fabio Fazio a Che tempo che fa, ndr] ha detto in televisione che le parole hanno un peso, ed è vero” ha ricordato il presentatore. “Dopo che ha lanciato l’hashtag #Fiorellostattezitto ho ricevuto insulti tremendi per 24 ore. Sai cosa scateni, come se poi fosse colpa mia se ci sono 50 mila ospiti e si fa tardi”. Fiorello ha poi invitato i giornalisti e i telespettatori a non fraintenderlo scambiando la sua reazione per eccessiva suscettibilità: “Non posso passare per permaloso per questo, è una osa troppo seria. Abbiamo delle responsabilità. C’è gente debole che si butta dalla finestra. Io sono io, non me ne frega niente, ma c’è chi non regge. Tiziano deve capire, deve crescere. Sono stato male per quegli insulti“.

La lettera di Tiziano Ferro a Fiorello

Tiziano aveva lanciato l’hashtag #fiorellostattezitto per via del fatto che nella seconda puntata si era dovuto esibire a tarda notte. Una frase che aveva suscitato polemiche e che lo stesso Amadeus ha considerato una “battuta venuta non benissimo”. Durante la conferenza stampa di giovedì 6 febbraio 2020, il conduttore ha infatti affermato di voler lanciare in opposizione l’hashtag #Fioreparlaquantovuoi.

Per smorzare i toni il cantante ha quindi deciso di scrivere due righe di scuse per Fiorello, che ha postato su Instagram poco prima del terzo appuntamento all’Ariston. Queste le parole contenute: “Ciao Fiorello, ti chiedo scusa se ti ho provocato un dispiacere. Sono lo stesso che a dicembre – nel tuo programma – si prendeva in giro cantando con te le parole di una mia canzone. È in quello spirito che ho pensato fosse normale scherzare con te che sei il re dei comici. Sono rammaricato, torno a fare il cantante“.

A chiudere il tutto un’ulteriore scusa per la scrittura poco comprensibile, “ma in corsivo faccio pure più schifo“, e la speranza di poter dire tutto di persona allo showman. Ferro non ha comunque mancato di lamentarsi velatamente per la programmazione della sua esibizione, ancora fissata dopo la mezzanotte. Questa volta con un hashtag dedicato a se stesso, ovvero #Tizianostattezitto.