Sanremo 2021: i Maneskin accusati di plagio, la replica

Primo Piano
·1 minuto per la lettura
(Photo by Jacopo Raule / Daniele Venturelli/Getty Images)
(Photo by Jacopo Raule / Daniele Venturelli/Getty Images)

Hanno fatto in tempo a esibirsi sul palco di Sanremo, che sono già stati accusati di plagio. Il brano Zitti e buoni dei Maneskin somiglierebbe a F.D.T. – Fuori di testa, una canzone del 2015 degli Anthony Laszlo. L'accusa arriva dal produttore del duo torinese, Davide Pavanello.

Sul suo profilo Instagram il produttore mostra prima il video dei Maneskin e poi quello degli Anthony Laszlo, scrivendo: QUALQUADRA NON COSA.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

La casa discografica della band non ci sta e ha fatto fare una perizia tecnica da Sony: “In merito alle notizie emerse di una possibile somiglianza del brano dei Måneskin “Zitti e buoni” rispetto a un brano già edito, si evidenzia che non solo non vi è presenza di plagio melodico sulla linea vocale (quello principalmente viene tutelato dalle attuali leggi in vigore) ma non vi è neppure un plagio strumentale sulla stessa struttura armonica come si evince da perizia tecnica di Sony”, ha replicato lo staff della band.

GUARDA ANCHE: Sanremo, i Maneskin raccontano il loro brano "Zitti e buoni"

GUARDA ANCHE: I Maneskin, Manuel Agnelli e la cover dei CCCP