"La stecca di Diodato? La cosa più bella di Sanremo 2021". I social non perdonano il vincitore del Festival 2020

Adalgisa Marrocco
·Contributor HuffPost Italia
·2 minuto per la lettura
- (Photo: Agf)
- (Photo: Agf)

“La stecca di #Diodato è stata la cosa più bella (vera direbbero nei reality) finora di #Sanremo2021”, “Cos’è mai ‘una stecca’ di fronte alla bellezza di ‘Fai Rumore’? Possiamo sopportarla!”. Questi i commenti dei social mentre sul palco si esibisce come ospite Diodato, vincitore della scorsa edizione del Festival della canzone italiana.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.
Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Tra gli altri commenti apparsi su Twitter: “Diodato che stecca è un po’ la bottiglia di champagne che non si rompe quando inaugurano le navi? Chiedo #Sanremo2021”; “Ammazza che stecca, Diodato! Fai rumore veramente così”.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.
Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

La musica di Sanremo riparte dall’ultima immagine che aveva chiuso l’edizione 2020. Così Diodato ha aperto la 71esima edizione con ‘Fai Rumore’, il brano con cui l’artista pugliese ha vinto l’edizione dello scorso anno. “L’ultima immagine felice di un intero paese che da lì a pochi giorni sarebbe stato rinchiuso in un lockdown”, lo annuncia Amadeus. Il brano è diventato l’inno “di un paese che non voleva arrendersi”, ha detto ancora il conduttore, ricordando il fatto che ‘Fai Rumore’ è stato il brano d’elezione che ha accompagnato la musica dai balconi di tutta Italia durante la prima ondata della pandemia. Il conduttore del festival ha voluto fare una foto nella stessa posizione con la quale si era chiusa l’edizione dello scorso anno, insieme a Diodato e a Fiorello, come auspicio di una ripartenza della musica.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.