Sanremo: Bertè “Nel 1992 rubarono la vittoria a Mia Martini”

“Baudo mi ha detto che doveva vincere Mimì per la giuria popolare. Vinse quella cretinata di Portami a ballare di Luca Barbarossa, chi la conosce oggi?”. (Credits – Getty Images)

Arriverà al cinema dal 14 al 16 gennaio e poi verrà trasmesso su Rai1 a febbraio dopo Sanremo il film dedicato a Mia Martini, una delle voci più belle della storia della musica italiana. Una voce sfortunata, perseguitata dalle malelingue, e che si spense il 12 maggio 1995 per una overdose di cocaina. Una voce che raccontava una vita di sofferenze, come quella arrivata tre anni prima della morte, nel 1992.

A parlarne è Loredana Bertè, sorella minore di Mimì, che alla vigilia del Festival di Sanremo cui parteciperà ha raccontato i risvolti dell’edizione di 27 anni fa, quando Mia Martini arrivò seconda con la bellissima “Gli uomini non cambiano”. In realtà la Bertè fa un po’ di confusione con le date e le canzoni, ma il succo non cambia.

“Chi organizzò quel Festival non la voleva, allora è intervenuta una persona con cui è stato preparato un contratto, attraverso il quale questa persona si sarebbe seduta in prima fila mentre Mimì cantava, così se il teatro fosse caduto avrebbe coinvolto anche lui. Il teatro non è caduto, non è successo niente, Mimì ha avuto un grande successo e Baudo si è dovuto arrendere all’evidenza” racconta la Bertè, che però parla di 1989 e di “Almeno tu nell’universo”, ricordando come le malelingue reputassero Mia Martini una porta sfortuna, al punto che temevano che crollasse l’Ariston durante la sua esibizione.

Ma, poi, ecco che la Bertè confessa cosa le disse Pippo Baudo tempo dopo. “Baudo mi ha detto che doveva vincere Mimì per la giuria popolare. Vinse quella cretinata di Portami a ballare di Luca Barbarossa, chi la conosce oggi? Ippoliti uscì dal balconcino del teatro e disse che aveva vinto Mia Martini. Ma Baudo, in seguito in una trasmissione di Rai3, mi ha detto la verità su Portami a ballare: non potevano dire che aveva vinto Mia, altrimenti la gente poteva pensare che era tutto truccato. È stato un scippo”.

Potrebbe anche interessarti:

“Io sono Mia”, il film su Mia Martini evento al cinema tre giorni

Serena Rossi è Mia Martini: l’ho recitata con amore ed empatia

Aspettando Sanremo, tutti i vincitori delle passate edizioni