Sanremo, Conte: a tutti libertà di parlare, no polemiche pregiudiziali

Pol/Vep

Roma, 22 gen. (askanews) - "Non ho seguito molto le polemiche ma per quanto mi riguarda che sia dia la possibilità a tutti di parlare in piena libertà, non farei delle polemiche pregiudiziali". Lo ha detto il premier Giuseppe Conte intervistato a Rtl 102.5 a proposito del Festival di Sanremo e delle polemiche nate.

Sanremo, ha aggiunto Conte, "è una grande vetrina non solo musicale, diventa lo specchio dei gusti della società, delle novità, quindi mi ha sempre incuriosito seguire e cercare di capire e anche le belle canzoni". "La musica per me è come un flusso, quando ho tempo e disponibilità mi piace anche la radio per questo, perché vengono fuori delle sorprese. I miei gusti spaziano, mi piace molto il jazz ma anche la musica d'autore italiana e il rock, sono stonato ma mi affascinano molto le belle voci. Ad esempio, restando in anni più prossimi, quando sentii la prima volta Amy Winehouse rimasi molto colpito da quella voce graffiante, quasi roca, se si fosse prodigata di più nel campo jazz sarebbe stata una grande jazzista", ha concluso.