Sanremo, Noemi insulta un poliziotto. Denunciata per oltraggio

Noemi Credit: Getty Images

Nervi tesi per Veronica Scopelliti, in arte Noemi. La cantante in gara al Festival di Sanremo con la sua “Non smettere di cercarmi”, martedì sarebbe stata fermata da un agente perché stava cercando di superare i varchi di controllo contromano, cioè entrando da quelli predisposti per l’uscita. Il poliziotto si avvicina per farle notare l’errore, allora Noemi avrebbe reagito con un gesto di stizza: “Ma guarda che coglione”.

“Ma guarda che cog…ne”

Secondo quanto riporta il Corriere, il gesto dell’artista le sarebbe costato una denuncia per oltraggio a pubblico ufficiale. L’inflessibilità dell’agente era dovuta all’intensificazione dei controlli nella zona dell’Ariston, dopo l’irruzione sul palco alla prima serata di un uomo che ha interrotto per qualche secondo la performance di Fiorello. L’agente non ha voluto passarci sopra. Ha cercato testimoni e ha richiamato Noemi per identificarla. Il risultato? Noemi è stata denunciata per oltraggio a pubblico ufficiale.

TOP/FLOP: Ermal Meta e Fabrizio Moro cantano insieme ‘Non mi avete fatto niente’. All’inizio tripudio tra il pubblico, la canzone piace. Poi però nella notte esce fuori il discorso plagio: la canzone presenta analogie evidenti con “Silenzio”, di Ambra Calvani e Gabriele de Pascali. Uno degli autori della canzone di Meta e Moro è Andrea Febo, che di Silenzio è il solo autore. Dunque un autoplagio?(LaPresse)

Il Festival continua la sua corsa

Sale l’attesa per la terza serata. Si vocifera anche la presenza della comica Virginia Raffaele e il direttore artistico Claudio Baglioni potrebbe essere uno dei bersagli. Intanto Meta e Moro restano in gara al Festival di Sanremo 2018. “A seguito delle valutazioni effettuate, la Rai ritiene che non si debba escludere dalla gara la canzone di Ermal Meta e Fabrizio Moro, in quanto conforme al requisito di novità previsto dal regolamento“, ha reso noto la Rai. 

Il retroscena della Hunziker

Michelle Hunziker ha rivelato un retroscena curioso sul marito, Tomaso Trussardi:Appena sveglia stamattina mio marito non mi ha nemmeno salutata. Mi ha detto subito: “Ma quel ballo succinto?”. Il riferimento è al balletto sensuale con Pierfrancesco Favino sulle note di Despacito. Riflessione simile anche da parte delle compagna e collega di Favino, Anna Ferzetti che gli ha detto: “Che sia l’ultima volta”.


Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità