2 / 10

Plagi veri o presunti a Sanremo

L’unico plagio sanremese riconosciuto da un tribunale è quello di ‘Taxi’, brano scritto nel 1970 da Pace-Panzeri-Conti-Argenio e cantato da Antoine e Anna Identici. La querelante Maria Pia Donati Minelli fu risarcita con 110 milioni di lire, visto che ‘Taxi’ era uguale alla sua ‘Valzer brillante’, composta nel 1948. (nella foto Getty Images, Anna Identici)

Sanremo, i plagi (veri o presunti) più clamorosi della storia del Festival

A Sanremo ogni tanto qualche concorrente si fa ispirare da una vecchia canzone o da una melodia: e le polemiche sono a non finire. Le note, d’altronde, sono poche e a volte le idee sono simili, ma quando a essere copiati sono interi spezzoni o lunghi ritornelli, allora le scuse non tengono più!

Ecco i plagi (veri, presunti o chiacchierati) più famosi della storia del Festival, in attesa di un nuovo inesorabile scandalo.