Santa Lucia, la tradizione del giorno più corto

webinfo@adnkronos.com

Santa Lucia, il giorno più corto che ci sia. A spiegare leggende e tradizioni per accogliere l'inverno è Meteo&Radar, che ha raccolto notizie e cenni storici sul 13 dicembre, conosciuto come il giorno più corto dell’anno. Gli svedesi, spiega, celebrano il solstizio d’inverno proprio in questa giornata, chiamata Luciadagen, con riti davvero interessanti e suggestivi. Dal punto di vista scientifico però la notte più lunga dell’anno è quella del solstizio d’inverno, che cade quest’anno il 22 dicembre. In questa data ha inizio l’inverno astronomico, momento dell’anno in cui il Sole si trova direttamente sopra al Tropico del Capricorno, ovvero alla sua massima distanza al di sotto dell’Equatore celeste. Il Sole sorge quindi nel punto più meridionale dell'orizzonte est e culmina a mezzogiorno alla minima altezza: nel nostro emisfero, questo giorno corrisponde al minimo dell'irradiamento solare. 

Ma perché si associa il giorno di Santa Lucia al giorno più corto che ci sia? La ragione è da ricercarsi nell’antico calendario Giuliano, che fino al 4 ottobre 1582, vedeva cadere il Solstizio d’Inverno tra il 12 e il 13 dicembre, quindi proprio nel giorno della festa di Santa Lucia. In seguito a tale data la Chiesa cattolica optò per l’utilizzo di un nuovo calendario, introdotto con la bolla di Papa Gregorio XIII e conosciuto come Calendario Gregoriano, in vigore attualmente nella maggior parte del mondo occidentale. La sostituzione fu decisa perché questo nuovo calendario consentiva una scansione del tempo e dei giorni più precisa rispetto al precedente. Il nuovo calendario vedeva la suddivisione dell’anno in 12 mesi con durata ognuno dai 28 ai 31 giorni, con 365 giorni in totale (che diventano 366 nel caso degli anni bisestili).Con il passaggio a quello gregoriano, la data del solstizio d'inverno è stata spostata in avanti ma il 13 dicembre è rimasto comunque legato alla ricorrenza religiosa della santa martirizzata durante le persecuzioni contro i cristiani di Diocleziano a Siracusa.