Santa Maria Capua Vetere, inchiesta su agenti partita da audio

·1 minuto per la lettura

Nell'ordinanza sui fatti del carcere di Santa Maria Capua Vetere si fa riferimento a un audio di una comunicazione registrata fra un detenuto e un familiare che il garante ha poi inoltrato alla procura. Nell'ordinanza è scritto che l'8 aprile 2020, il Prof. Samuele Ciambrello, in qualità di Garante delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale della Campania, inoltrava alla Procura della Repubblica di S.M.C.V. una missiva espositiva con riferimento agli episodi occorsi il 5 e il 6 aprile 2020 presso la Casa Circondariale di Santa Maria Capua Vetere - Reparto "Nilo"-, segnalando, in particolare, presunti maltrattamenti in danno di detenuti da parte di personale della Polizia Penitenziaria". Nella nota di denuncia, il garante "faceva riferimento ad alcune registrazioni di conversazioni telefoniche avvenute tra i detenuti ristretti nel predetto reparto ed i propri familiari, che venivano conseguentemente pubblicate sui social network Facebook". La polizia giudiziaria risaliva all'audio, che nell'ordinanza è riportato integralmente. Eccolo:

D: Amò!

U: eee... Amo e che ti devo dire!

D: che successo ieri, ho visto sopra internet che è successo un bordello

U: eee..

D: ho il cuore a tremila

U: eee.. ci hanno ucciso di mazzate.

D: pure a te amò?

U: tutti quanti!

D: uaaa.. Amò ma veramente stai a fare!

M: (voce di fondo) perché! Perché Andrea!

U: eee... un casino, ora che ti devo dire da qua

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli