Santarcangelo Festival, torna la corporeità, ma siamo più fragili

featured 1629556
featured 1629556

Santarcangelo, 14 lug. (askanews) – “Secondo me dopo la pandemia c’è un ritorno molto forte alla corporeità e c’è una tendenza a creare contesti molto intimi nei quali gli artisti con infinita generosità offrono le loro esperienze, i loro corpi e le loro debolezze per costruire una relazione molto personale con il pubblico: trovo che questo aspetto sia molto presente e molto bello. C’è tanta fragilità e vedo che si torna a formati più intimi e delicati, con messe in scena più piccole. Questo, credo, spiega anche il contemporaneo”. Lo ha detto ad askanews il direttore artistico del Santarcangelo Festival, Tomasz Kirenczuk.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli