Santoro a piazza San Giovanni, Moby Dick e le Sardine

Alessandro De Angelis
Agf

Michele, tu ci vai a San Giovanni?

Sì, certo.

Solito Santoro, senti il richiamo della piazza. Perché ti piacciono queste sardine?

Perché c’è una domanda importante alla quale non riuscivamo a dare una risposta. E la domanda è: dove sono finiti quei milioni di persone che avevano messo alle finestre le bandiere arcobaleno durante la guerra in Iraq, i girotondi, il movimento ecologista presente in mille parti d’Europa? Ecco, per me le sardine danno una risposta a questa domanda. Questa gente esiste ancora, quello che non c’è più è un tramite con le organizzazioni della politica.

Aspetta, restiamo sulla natura di questo movimento. È una reazione, un segnale di vitalità. Ma è già un popolo?

È una necessità di dire che le idee di rivolta non sono mai morte, come diceva la vecchia canzone. Insomma queste sardine hanno spalancato le finestre e hanno fatto entrare la luce per quelle persone che rimanevano in casa demoralizzate. Ma ti rendi conto che una volta eravamo un laboratorio politico studiato in tutto il mondo e adesso siamo fermi? Le classi dirigenti non ricercano nuove vie, perché sono vecchie loro. Guardati attorno e vedrai nei partiti di sinistra i sopravvissuti di vecchi apparati.

Non sottovaluto la boccata d’aria, la reattività. Ma le mie perplessità sono su come si struttura il conflitto, su quale retroterra politico e sociale, sulle idee attorno ai temi su cui si divide la politica. Sono sardine o anguille?

Non si può chiedere a chi non ne ha la responsabilità di dare risposte complesse alla realtà. Se uno canta Bella ciao, sta dicendo: c’è una destra aggressiva in Italia? Sì, allora ribadiamo che i valori dell’antifascismo non sono scomparsi, segniamo un limite con i nostri corpi e pacificamente. Un limite. Anche alla superficialità con cui si lasciano cadere senza reagire alcune dichiarazioni. Sento Salvini, sento la Meloni, su alcune frasi, quando parlano dell’identità non sono tanto differenti da Hitler e dalla sua...

Continua a leggere su HuffPost