Sappe: violenze nel carcere di Vigegano, 5 agenti in ospedale

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 4 ott. (askanews) - Nella notte tra sabato e domenica scorsi, nel carcere di Vigevano, un detenuto straniero ha dato fuoco alla cella e quattro poliziotti penitenziari intervenuti nell'immediato sono dovuti ricorrere alle cure del Pronto Soccorso del locale nosocomio per il fumo inalato durante l'intervento. Nel pomeriggio di domenica, un altro detenuto straniero ha aggredito un agente con calci e pugni mentre era in attesa di essere visitato dal medico della casa circondariale, e il poliziotto è stato medicato all'ospedale di Vigevano. Lo ha denunciato il segretario generale del Sappe, Donato Capece, sottolineando che "così non si può andare più avanti, urgono interventi urgenti e strutturali che restituiscano la giusta legalità al circuito penitenziario intervenendo in primis sul regime custodiale aperto". "I numeri degli eventi critici accaduti nelle carceri italiane nel primo semestre del 2021 sono allucinanti" ha continuato Capece, aggiungendo che si contano "5.290 atti di autolesionismo, 44 decessi per cause naturali, 6 suicidi e 738 sventati dalla Polizia Penitenziaria, 3.823 collutazioni, 503 ferimenti".

Il Sappe evidenzia infine che, nello stesso arco di tempo, "nelle carceri della Lombardia si sono contati 1.101 atti di autolesionismo, 130 tentati suicidi sventati in tempo dalla Penitenziaria, 9 decessi per cause naturali, 3 suicidi, 807 collutazioni e 27 ferimenti".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli