Sarà beato il cardinale polacco Stefan Wyszynski

Ska

Città del Vaticano, 3 ott. (askanews) - Sarà beato il cardinale Stefan Wyszynski (1901-1981), arcivescovo metropolita di Gniezno e Varsavia e primate di Polonia, testimone della fede durante il regime comunista polacco, punto di riferimento di Karol Wojtyla.

Papa Francesco, in occasione dell'udienza, ieri, al cardinale Angelo Becciu, prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi, ha autorizzato il Dicastero a promulgare decreti relativi a cinque nuovi beati.

Saranno beatificati anche il sacerdote diocesano calabrese don Francesco Mottola, fondatore dell'Istituto Secolare delle Oblate del Sacro Cuore (1901-1969), e tre laici: la giovane romagnola Alessandra Sabattini, della Comunità Papa Giovanni XXIII (1961-1984), e due martiri, lo spagnolo Giovanni Roig y Diggle, ucciso a 19 anni durante la guerra civile in Spagna nel 1936, e la laica brasiliana Benigna Cardoso da Silva, uccisa a 33 in Brasile nel 1941.

Con il riconoscimento delle virtù eroiche diventano Venerabili Servi di Dio: Augusto Cesare Bertazzoni, arcivescovo titolare di Temuniana, già vescovo di Potenza e Marsico (1876-1972); il sacerdote francese Giovanni Luigi Querbes, fondatore della Congregazione dei Chierici Parrocchiali o Catechisti di San Viatore (1793-1859); la religiosa spagnola Maria Francesca del Bambino Gesù (al secolo: Maria Natividad Sánchez Villoria), monaca professa dell'Ordine di Santa Chiara (1905-1991).