Sara Jane Ceccarelli racconta il disco "Milky Way"

·2 minuto per la lettura
Sara Jane Ceccarelli album
Sara Jane Ceccarelli album

È solarità e determinazione allo stato puro. Gentilezza e simpatia, ma anche grande espressività e spirito comunicativo, gioioso ed entusiasta. Così Sara Jane Ceccarelli ha presentato nell’intervista esclusiva il suo nuovo album, “Milky Way”, il secondo disco della cantante italo-canadese che esprime l’indole dell’epoca in cui viviamo, esaltando la bellezza della contaminazione che è insita nella sua persona prima ancora che nella sua musica.

Il nuovo album dell’artista è pensato per i live, un disco da suonare e cantare a squarciagola. Un album che deve essere ascoltato e apprezzato per la sua ricchezza melodica, trovata grazie alla collaborazione con i suoi storici musicisti, tra i quali il fratello che è chitarrista e collega da sempre, Paolo Ceccarelli.

Dieci brani, nove in inglese e uno in italiano, in cui trovano posto la rielaborazione, con testo originale di SJC, di “Children’s Song No. 3” di Chick Corea, e la reinterpretazione con riscrittura, in inglese della canzone “Del tempo che passa la felicità” di Motta. In mezzo il viaggio di SJC spazia dall’Africa al funk, dal jazz al folk nordamericano, dal pop al reggae.

Sara Jane Ceccarelli è una delle voci dell’Orchestra Nazionale Jazz Giovani Talenti diretta da Paolo Damiani, corista nell’album di Francesco De Gregori “Amore e Furto” dedicato a Bob Dylan, Pamina nel “Flauto Magico” nell’allestimento dell’Orchestra di Piazza Vittorio, impegnata in spettacoli di teatro-canzone con l’attore e musicista David Riondino. La poliedricità è una delle sue più preziose caratteristiche.

Sara Jane Ceccarelli presenta il nuovo album, “Milky Way”

“Molti brani che compongono il disco sono stati già portati in tour. Portarli sul palco è la cosa migliore. Altre canzoni sono state scritte durante il lockdown, impegnando le lunghe ore vuote. È un album di musica suonata, composto da brani pronti per essere suonati. Ho cercato di fondere la canzone d’autore alla musica improvvisata. Sono due mondi che solitamente viaggiano su binari diversi, ma ho voluto sperimentare insieme ai miei colleghi, che sono grandi strumentisti”. Così la cantante ha raccontato il suo nuovo progetto, un album intenso composto da una molteplicità di strumenti, dove le melodie hanno un ruolo centrale.

Quindi ha aggiunto: “Non so se saprei trovare un fil rouge nel disco, ci sono canzoni molto diverse. Ho proposto testi in cui racconto storie vere, ma anche testi più immaginifici. Mi piace scrivere testi con immagini forti. Spesso mi è stato recriminato di cantare troppo in inglese in un Paese in cui la lingua madre è l’italiano. Io nasco bilingue, ma musicalmente è l’inglese la mia lingua del cuore. Tuttavia, ho seguito le provocazioni e ho inserito anche un brano in italiano”. Una grande sperimentatrice, le cui canzoni alimentano la curiosità degli ascoltatori e il cui successo è garantito.

Sara Jane Ceccarelli album
Sara Jane Ceccarelli album

“Milky Way” è un’armoniosa contaminazione, perché Sara Jane Ceccarelli esalta “la forza della contaminazione”.

Sara Jane Ceccarelli dal nuovo album ai prossimi progetti

Sara Jane Ceccarelli è entusiasta di “Milky Way” e non mancano nuovi progetti.

Sara Jane Ceccarelli album
Sara Jane Ceccarelli album

“In studio per registrare il disco ci siamo divertiti moltissimo, non vedo l’ora di tornarci. Intanto penso ai live e continuo a scrivere nuove canzoni”, ha svelato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli