Sardegna, 2 milioni per gli Enti di formazione professionale

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Cagliari, 30 dic. (askanews) - "Investire in strumenti e metodologie di formazione e creare processi di selezione o di sviluppo delle persone sono aspetti fondamentali nella ricerca dell'occupazione. È opportuno sottolineare come la formazione professionale abbia assunto un peso rilevante all'interno delle imprese italiane dato che riveste il ruolo di propulsore della crescita personale e professionale delle risorse umane". È il commento del presidente della Regione, Christian Solinas, in merito alla pubblicazione dell'Avviso a sportello per la concessione di aiuti alle Agenzie Formative accreditate in Sardegna, nell'ambito degli interventi previsti dalla Legge Regionale 23 luglio 2020 n. 22, per sostenere la ripresa in conseguenza della sospensione o ridotta attività dovuta all'emergenza da Covid-19.

Con una dotazione finanziaria complessiva di 2 milioni di euro, stanziata con delibera di Giunta su proposta dell'assessore regionale del Lavoro, Alessandra Zedda, è prevista la concessione di aiuti alle agenzie e agli enti di formazione professionale tramite le seguenti sovvenzioni:

un contributo una tantum per assicurare la liquidità, fino a 5 mila euro per ciascun beneficiario, parametrato sui costi dell'anno 2019; un contributo, per l'anno 2020, ai costi salariali del personale mantenuto in servizio, fino al 60 per cento della retribuzione mensile del personale beneficiario per sei mesi, parametrato in base al numero degli addetti e degli effettivi operanti nel territorio e mantenuti in servizio.

I corsi possono essere attivati sia attraverso moduli di formazione interna che avvalendosi delle agenzie formative accreditate presso la Regione o degli enti bilaterali accreditati attraverso apposita convenzione.

L'attivazione dei percorsi di formazione dovrà essere relativa, in particolare, ai seguenti settori: green e blue economy; sviluppo competenze digitali e digitalizzazione; economia circolare; hospitality management; organizzazione del lavoro e lavoro agile; sviluppo e potenziamento delle capacità imprenditoriali e manageriali.

"Una delle prerogative di ogni organizzazione - spiega l'assessore Zedda - dovrebbe essere quella di riconoscere il potenziale delle sue persone, valutando seriamente percorsi di crescita ad hoc.

Le Agenzie formative sono perciò chiamate a rispondere a questa necessità mettendo in campo le migliori energie e professionalità di cui dispongono. Il capitale umano è uno degli elementi che più concorre a un sistema della Formazione professionale di qualità: un obiettivo, questo, imprescindibile per la Giunta regionale", conclude la vicepresidente Zedda.