Sardegna 35enne rischia di non camminare più a seguito di un incidente

·2 minuto per la lettura
A seguito di un incidente ha rischiato di restare a vita su una sedia a rotelle
A seguito di un incidente ha rischiato di restare a vita su una sedia a rotelle

Michela Madda è una donna di 35 anni che nel lontano 1 settembre 2018 è stata vittima di uno scontro frontale nel rettilineo per San Gavino Monreale, nel Sud Sardegna. Da quell’incidente Michela ne è uscita con una gamba a pezzi. A La Nuova Sardegna in un’intervista ha detto che c’era una frattura scomposta esposta pluriframmentaria del femore sinistro, il femore si era sgretolato ed era letteralmente uscito dalla gamba: “Io continuavo a non rendermi conto della gravità della situazione. Credevo che sarebbe bastato il gesso. Poi ho iniziato a realizzare. Ma non mi sono mai arresa. Anche quando i medici mi hanno detto che forse non avrei più potuto camminare e che il trekking dovevo scordarmelo. Anzi, in quel momento ho deciso che avrei affrontato nuove sfide“.

Dopo un incidente, ha rischiato di restare per sempre sulla sedia a rotelle

I medici le ripetevano di continuo che la possilibità che lei restasse sulla sedia a rotelle era molto alta. La donna si è sottoposta anche ad un intervento di osteosintesi, ha seguito ovviamente una riabilitazione. Solo finalmente a febbraio del 2019 è riuscita a fare a meno delle stampelle: “Non come prima, perché questo è impossibile: in seguito all’operazione la gamba sinistra è diventata leggermente più corta, senza il plantare la zoppia è più evidente. Sono rimasta invalida al 30 per cento e sento dolori a volte lancinanti quando mi alzo. Ma ho imparato a convivere con quelli e con le cicatrici, ormai fanno parte di me“.

Tra le nuove sfide che la donna ha scelto di affrontare c’è il cammino di Santa Barbara, del quale Michela ha percorso 200 chilometri: Ho deciso di farlo per dimostrare alla mia gamba che, anche se con qualche difficoltà e dolore, può fare le stesse cose che fanno le altre gambe (e anche di più)“. Purtroppo, il percorso non è stato completato in quanto in Sardegna stava per scattare la zona arancione. Ciò nonostante, la 35enne ha intenzione di tornare sul posto e completare quello che ha lasciato in sospeso: “L’ho promesso a me stessa nei giorni più bui”.