Sardegna, approvati due nuovi piani di gestione risorse idriche

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 27 dic. (askanews) - Il Comitato Istituzionale dell'Autorità di Bacino ha adottato gli aggiornamenti di due fondamentali strumenti di pianificazione delle risorse idriche e dell'assetto idrogeologico, il Piano di Gestione del Distretto idrografico della Sardegna e il Piano di Gestione del Rischio di alluvioni (PGRA).

"L'acqua è un bene prezioso ma limitato e fragile - spiega il Presidente della Regione Christian Solinas - Da un utilizzo responsabile della risorsa dipende non solo la salvaguardia del patrimonio ambientale e l'approvvigionamento potabile, ma anche comparti strategici dell'economia della Regione come l'agricoltura, il turismo e l'industria".

Entrambi i Piani adottati nel corso dell'ultima riunione del Comitato Istituzionale d'Ambito sono l'esito di un lungo e articolato processo che ha coinvolto non solo le strutture dell'Amministrazione regionale e degli Enti e Agenzie del sistema Regione ma anche il mondo accademico, esperti e portatori di interesse, istituzioni ed enti locali, ordini professionali, associazioni e cittadini.

"I nuovi strumenti costituiscono il fondamento per il monitoraggio dello stato della risorsa idrica e delle condizioni di sicurezza idrogeologica - ha spiegato l'assessore dei Lavori Pubblici, Aldo Salaris - e consentono alla Sardegna non solo di adempiere alle stringenti disposizioni delle direttive comunitarie (evitando così di incorrere in procedure di infrazione) ma soprattutto di mettere a disposizione dell'intero bacino regionale sardo due fondamentali strumenti di gestione del territorio e di supporto alla programmazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza e degli altri programmi di finanziamento", ha concluso l'esponente della Giunta Solinas. Il Piano di Gestione del Distretto idrografico della Sardegna (documento fondamentale previsto dalla Direttiva Quadro sulle Acque), istituisce un quadro uniforme a livello comunitario in materia di risorse idriche, per la protezione di tutte le acque - superficiali interne, acque di transizione, acque costiere e sotterranee - con l'obiettivo di assicurare la prevenzione e la riduzione dell'inquinamento, agevolare l'utilizzo idrico sostenibile, proteggere l'ambiente, migliorare le condizioni degli ecosistemi acquatici e mitigare gli effetti delle inondazioni e della siccità, anche attraverso il coinvolgimento attivo dei diversi Soggetti territoriali e delle comunità. Più nel dettaglio, il Piano di gestione presenta analisi riguardanti l'intero sistema dei corpi idrici del bacino della Sardegna, la rilevazione delle pressioni e degli impatti, una panoramica sulle aree protette, una disamina dello stato delle acque superficiali e sotterranee, l'analisi economica, gli obiettivi ambientali e, quale strumento operativo, il programma delle misure da adottare per garantire un uso sostenibile della risorsa idrica.

(segue)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli