Sardegna, il borgo colorato che sembra una tela di un pittore

·1 minuto per la lettura

No, non ci troviamo a Copenhagen lungo il famoso porticciolo di Nyhavn con casette colorate a destra e sinistra, ma l’atmosfera ‘artistica’ è la stessa: in Sardegna, infatti, si nasconde Bosa, un borghetto delizioso fatto ugualmente di tante piccole case colorate.

Bosa, il borgo arcobaleno uscito dalla fantasia di un pittore

Sembra, a guardarla da lontano, un quadro dell’espressionista tedesco Paul Klee grazie alle innumerevoli pennellate color pastello che animano la costa occidentale dell’isola sarda.

A Bosa, infatti, le abitazioni di tutti i colori dell’arcobaleno, impreziosiscono una cittadina in provincia di Oristano che, proprio per via di questa particolarità, fa parte dei borghi più belli d’Italia.

LEGGI ANCHE:-- Sardegna, la piccola spiaggia ‘gioiello’ che forse non hai mai visto

Bosa ha una lunga storia alle spalle: fondata dai Fenici, assunse un ruolo importante sotto i Romani, poi in epoca medievale fu preda dei pirati arabi fino a quando arrivarono gli Aragonesi e la proclamarono città regia.

Non soltanto le casette variopinte rendono Bosa uno dei borghetti più tipici e affascinanti del centro-nord della Sardegna.

Cosa vedere in uno dei borghi più belli d'Italia

A dominare l’intero villaggio affacciato sul fiume Temo, l’unico navigabile dell’isola, spicca il Castello dei Malaspina che risale al XII secolo, più precisamente al 1112, vantando oltre 900 anni di storia.

A circa 2 km dal centro storico, poi, troviamo Bosa Marina. È una caletta di 1 km che richiama ogni anno migliaia di turisti per la straordinaria trasparenze delle acque e la pulizia delle sue spiagge tanto da essersi spesso aggiudicata le 5 vele di Legambiente.

Foto: Shutterstock

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli