Sardegna: 'noi stuprate in caso fotocopia di Grillo jr', ma la stessa Procura vuole archiviare (2)

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – Anche la figlia è molto arrabbiata: "Io prendo ancora ansiolitici, soffro di depressione, non dormo. Ho gli incubi. E loro rischiano l'archiviazione. Perché? Io non ci sto, vado avanti finché non avrò giustizia". Ecco perché le due ragazze hanno presentato opposizione alla richiesta di archiviazione. L'udienza davanti al gup, diverso da quello del caso Grillo, si terrà il prossimo 14 settembre, dopo un rinvio dovuto a un difetto di notifiche.

Ma per la Procura di Tempio Pausania non ci sono dubbi. Se per le vittime e i loro parenti, ma anche per l'avvocato Giovanna Porcu, i casi sono uguali, per il Procuratore Gregorio Capasso qui non ci sarebbero gli estremi per chiedere il processo. Sarà adesso il gup a decidere se i quattro indagati meritano il processo o l'archiviazione. Secondo la Procura "non sono emersi elementi obiettivi – come si legge nella richiesta di archiviazione a firma del Procuratore Gregorio Capasso e della pm Ilaria Corbelli – idonei all'incolpazione dei responsabili e nemmeno sufficienti a dimostrare la consumazione del reato in trattazione".

Insomma, per la Procura di Tempio Pausania, la stessa che indaga su Grillo Junior, "l'attività di indagine compiuta non solo non ha consentito di acquisire elementi di prova sufficienti per ritenere integrate e comunque dimostrate e dimostrabili le ipotesi di reato, bensì ha anche messo in luce una serie di incongruenze tali da indurre gli investigatori a dubitare della obiettiva corrispondenza a realtà del vissuto delle vittime, sì come descritto dalle dichiarazioni delle stesse, o quantomeno della oggettiva percepibilità dello stesso, sì da condurre a valutare lo stesso sotto due diversi profili: uno emozionale, che vede le due ragazze sicuramente offese secondo la loro percezione dei fatti e, quindi, secondo una soggettiva elaborazione del ricordo. L'altro, critico, asettico e razionale, al quale deve attenersi questo pubblico ministro nel valutare analiticamente i fatti".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli