Sardegna, Solinas: noi discriminati da piano invasi

Red/Gca

Roma, 24 lug. (askanews) - "Riteniamo discriminanti i criteri di ripartizione delle risorse individuati dal Governo per gli investimenti nel settore idrico, che a nostro avviso non tengono conto delle peculiarit della Sardegna rispetto alle altre regioni e soprattutto a quelle il cui fabbisogno idrico nettamente inferiore rispetto a una regione come la nostra, che dipende per il 74,55% da bacini artificiali e sbarramenti alti fino 112 metri. Per questo motivo la Regione sarda chiede ancora una volta che vengano rivalutati i criteri di ripartizione delle risorse, su cui gi abbiamo espresso parere contrario per via giudiziaria attraverso il Ricorso presentato qualche mese fa". Lo dichiara il Presidente della Regione Sardegna Christian Solinas, la cui posizione, gi espressa nei mesi scorsi, stata ribadita dall'Assessore dei Lavori Pubblici Roberto Frongia nel corso della videoconferenza sul Piano invasi organizzata dalla struttura dighe del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, MIT, a cui hanno partecipato le regioni, l'Autorit di regolazione per Energia, Reti e Ambiente, Arera, e tutti i soggetti che operano nel mondo dell'acqua.

Attraverso il Piano nazionale degli interventi nel settore idrico verranno programmati 540 milioni di euro (programmazione 2020-2029) destinati alla mitigazione dei danni connessi al fenomeno della siccit e al potenziamento delle infrastrutture idriche, comprese le grandi dighe. La Regione Sardegna concorda con il Governo circa l'importanza degli interventi nel settore idrico che, anche alla luce delle ingenti risorse che potranno arrivare dall'Unione Europea tese a riformare le economie europee, ritiene uno degli asset strategici nei prossimi anni, ma considera inadeguati sia i parametri individuati e sia i criteri di ripartizione delle risorse.

Il nostro obiettivo è quello di creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano interagire tra loro sulla base di interessi e passioni comuni. Per migliorare l’esperienza della nostra community abbiamo sospeso temporaneamente i commenti agli articoli.