Sardegna, spiagge a numero chiuso. Dove si paga il ticket

·1 minuto per la lettura

Come possiamo immaginare, la Sardegna sarà letteralmente presa d’assalto dai turisti che vorranno restare in Italia per le vacanze ma senza rinunciare al mare più bello.

Spiagge a numero chiuso in Sardegna, ecco dove

Per evitare sovraffollamenti, ma anche per tutelare l’ambiente marino e l’ecosistema, la Regione ha previsto un sistema di entrate contingentate per le spiagge più belle, che saranno a numero chiuso e dove si accederà dietro pagamento di un ticket.

La formula è stata sperimentata già l’anno scorso, ma dal 1 giugno a 30 settembre 2021 le restrizioni saranno maggiori. Nella spiaggia de La Pelosa, a Stintino, sarà consentito l’ingresso al massimo a 1500 persone e si potrà prenotare sul sito www.lapelosastintino.com pagando 3,5 € a persona (esclusi bambini fino a 12 anni).

LEGGI ANCHE: -- E' la spiaggia tropicale più bella della Sardegna, perchè si chiama La Pelosa?

A Villasimius le spiagge a numero chiuso sono due: Punta Molentis (max 200 persone) e Porto Sa Ruxi (max 150), sono aperte dietro pagamento di 10 euro di ticket per il parcheggio dell’auto.

Villasimius, La Pelosa, Ogliastra: qui si entra pagando un ticket

Probabilmente sarà contingentato anche l’ingresso alla spiaggia di Tuerredda, Teulada. L’anno scorso vi accedevano al massimo 1100 persone, quest’anno si aspetta conferma.

Anche le calette dell’Ogliastra saranno a numero chiuso: a Cala Goloritzè potranno entrare 250 persone al massimo al giorno dietro pagamento di un 'contributo ambientale' di 6 euro tramite l’app ‘Heart of Sardinia’.

A Cala Biriala sono consentite 300 persone, a Cala dei Gabbiani il numero di bagnanti è fissato a 350, mentre a Cala Mariolu possono accedere 650 persone; a Cala Sisine saranno al massimo 1600 i bagnanti ammessi.

Foto: Shutterstock

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli