In Sardegna un agguato riapre la ferita della faida di Noragugume

·3 minuto per la lettura

AGI - Si si riapre la ferita di una sanguinosa faida, che sembrava chiusa da vent'anni, con l'omicidio scoperto ieri sera nel Nuorese, a Noragugume. Nelle campagne del paese, meno di 300 abitanti, è stato trovato morto Gigi Cherchi, allevatore di 67 anni, fratello di Giuseppe e Salvatore, ammazzati nel 1998, all'inizio di una scia di sangue durata fino al 2000.

Un altro fratello, Giulio Cherchi, è morto in carcere dopo una condanna all'ergastolo, sempre nell'ambito della faida esplosa fra due fazioni in paese, un odio cominciato da piccoli screzi e cresciuto nel tempo, tra vendette incrociate maturate nell'ambiente pastorale e in quello delle corse. Nel 1998 i Cherchi, famiglia numerosa, avevano un'azienda in cui allevavano cavalli di razza anglo-arabo-sarda.

Ci sono pochi dubbi sul fatto che Gigi Cherchi sia stato freddato a colpi di fucile in un agguato: il suo corpo era riverso davanti al cancello della stalla dove l'allevatore custodiva qualche cavallo e alcune vacche. Le indagini dei carabinieri del comando provinciale di Nuoro sono coordinate dalla procura di Oristano che ha imposto il riserbo.

Una catena di vendette

Il 12 giugno del 1998, agli albori della faida, nel paese al confine con la provincia di Oristano fu ucciso Giuseppe Cherchi, 58 anni, dentro il bar di cu era titolare: gli spararono con un fucile calibro 12 caricato a pallettoni. Una telefonata anonima avvertì i carabinieri della caserma di Dualchi, paese vicino. La vendetta fu il movente da subito ipotizzato dagli inquirenti.

Il fratello Salvatore, 62 anni, morì due mesi dopo, l'11 agosto 1998, in circostanze simili a quelle in cui ieri è stato ucciso Gigi Cherchi. Il suo assassino l'aveva atteso in una cava alla periferia di Noragugume per sparargli mentre Salvatore rientrava a casa in auto: una scarica di pallettoni lo colpi' alla testa. Il killer lo finì con un colpo sparato a distanza ravvicinata. Il corpo fu scoperto sui sedili dell'auto, quando ormai l'assessino era lontano. 

Giulio Cherchi, il fratello morto in carcere, si era dato alla latitanza per 6 anni, dopo la condanna all'ergastolo per l'omicidio di Francesco Corda, 38 anni,  commesso il 26 agosto del 1998: era stato catturato nel 2009, dopo che il suo nome era stato inserito nell'elenco dei centi latitanti più ricercati d'Italia. Per la giustizia la faida di Noragugume - almeno 7 omicidi che avevano insanguinato i paese fra il 1998 e il 2000, più due tentati omicidi - si era conclusa nel 2003 con quattro ergastoli, due condanne a due anni e mezzo e tre assoluzioni.

Agguati e condanne

La catena di vendette era iniziata per interessi legati al possesso di terreni e all'attività agropastorale. Popo l'uccisione di Francesco Corda, il 14 ottobre 1998, delitto attribuito a Giulio Cherchi, toccò al padre Tommaso Maria Corda, 74 anni. L'anziano allevatore stava rientrando a casa quando venne raggiunto da alcuni colpi di fucile a pallettoni sparati da distanza ravvicinata. Trascorso un anno di tregua, l'8 ogosto 1999, arrivò la quinta vittima, Aldo Spada, 28 anni, fratello dell'allora sindaco di Noragugume. Il giovane venne ucciso nella campagne tra Dualchi e Noragugume.

Il 27 novembre 1999 venne ucciso Tonino Pinna, 33 anni, raggiunto dai killer sotto l'abitazione della fidanzata Antonella Nieddu. Un mese dopo, il 27 dicembre, l'ultimo delitto della faida. Antonio Nieddu, 32 anni, noto Tonino, cadde in un agguato nelle campagne del paese mentre il fratello Giuseppe Maria rimase ferito.

Il 27 febbraio del 2000 vennero arrestati a Parma Luca Michele Falchi, all'epoca 27 anni, di Oristano, ma residente a Noragugume, e i fratelli Giovanni Franco e Maria Giuseppa Pinna, all'epoca di 36 e 25 anni, entrambi di Noragugume, e ad Orgosolo (Nuoro) Bruno Acquas 28 anni, anch'egli di Noragugume, accusati di essere mandanti ed esecutori di due omicidi (quelli di Aldo Spada e Antonio Nieddu) e di un tentato omicidio (quello di Giuseppe Maria Nieddu, fratello di Antonio). 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli