Sardegna zona rossa, Solinas: "Paghiamo atteggiamenti non responsabili"

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·2 minuto per la lettura

Sardegna in zona rossa da lunedì 12 aprile. "Paghiamo una diffusione virale che ha camminato sulle gambe delle persone, non dobbiamo nasconderci dietro un dito, alcuni atteggiamenti non sono stati propriamente responsabili" ha detto il presidente della Regione, Christian Solinas, questa mattina a margine dell'inaugurazione del nuovo hub vaccinale di Quartu Sant'Elena, in provincia di Cagliari. "Sono dati riferiti a due settimane, mentre quelli dell'ultima settimana ci dicono che il contenimento è già in atto, si stanno riducendo i numeri. Faccio un appello ai cittadini, ai ragazzi, alle persone che devono spostarsi per lavoro: manteniamo le cautele, rispettiamo le norme sul distanziamento, sull'igienizzazione, usiamo le mascherine: dipende da noi poter tornare quanto prima a riaprire tutti gli esercizi" ha sottolineato il governatore.

Solinas ha poi fatto il punto sulle vaccinazioni: "In Sardegna la campagna vaccinale sta prendendo numeri sempre maggiori, ieri e avantieri abbiamo rispettato ampiamente il target dei 10-11mila vaccini inoculati, contiamo di arrivare, a metà mese, alle 12mila dosi e, a fine mese, a 17mila. Puntiamo ad accelerare man mano che l'arrivo dei vaccini sarà stabilizzato". "Oggi inauguriamo questo hub importante a Quartu, contemporaneamente stiamo aprendo il secondo di Nuoro e, progressivamente, copriremo l'intero territorio regionale" ha aggiunto.

Il governatore ha inoltre chiarito che "non c'è alcuna correlazione tra l'aumento dei contagi e la campagna vaccinale, perché, almeno al momento, essendo riservata agli over 80 e alle persone più anziane e avendo i nuovi contagiati una età media molto al di sotto, queste persone non sarebbero comunque state vaccinate. Quindi non c'è alcuna connessione sotto questo profilo". Il presidente della Regione ha sottolineato che "oggi siamo tutti chiamati ad una responsabilità in più nei nostri comportamenti personali e a evitare condotte potenzialmente rischiose per se e per gli altri".