Mattia Santori al Nazareno: pronti a presidio permanente

Fabio Luppino
·Ufficio centrale HuffPost
·1 minuto per la lettura
Agf (Photo: Agf)
Agf (Photo: Agf)

Mattia Santori e altri esponenti del movimento delle Sardine si sono presentati con sacchi a pelo davanti al Nazareno, sede del Pd. “Siamo pronti a rimanere dentro al Nazareno finché non ci assicurano che le cose si fanno con le persone”, ha spiegato Santori.

““Ci sono mattine in cui vorresti startene a letto. Giorni in cui ti dici ‘chi me lo fa fare?’. Mesi in cui rimpiangi di non essertene stato zitto e buono. Poi ti guardi intorno - scrive Santori su Fb - e vedi ancora schiere di opinionisti, flotte di disillusi, plotoni di culi pesi e tastiere pesanti. Apprezzo i benpensanti ma non è con le penne fini che le cose cambieranno. Stimo gli intellettuali ma credo che quando si tratta di ricostruire serva soprattutto chi si sporca le mani. Pensate quello che vi pare, ma la crisi del Pd - è il messaggio del leader delle Sardine - è la crisi del centrosinistra, una crisi che ci riguarda e che vi riguarda anche se la politica vi fa schifo o vi ha stancato. Datemi del pazzo ma ho visto troppa bellezza quest’anno per riuscire a rassegnarmi”.

“Le Sardine? Il fatto che siano mobilitate conferma che il Pd è una grande forza della democrazia italiana”. Lo dice il segretario dimissionario del Pd Nicola Zingaretti a margine dell’inaugurazione dell’hub vaccinale alla Termini di Roma.

Hp (Photo: Hp)
Hp (Photo: Hp)

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.