Sardine in piazza, manifestazioni anche in Belgio e a New York

sardine in piazza

Il movimento delle sardine in piazza è pronto per varcare i confini nazionali e arrivare fino a New York. Domenica 24 novembre si terrà infatti una manifestazione al Washington Square Park di New York. L’obiettivo, anche in questo caso, è quello di ribadire la presenza di un popolo italiano antifascista, inclusivo e pronto a combattere per un futuro migliore.

Sardine in piazza, le prossime manifestazioni

“Siamo un gruppo di italiani che vivono a New York e abbiamo deciso di mobilitarci spontaneamente per sostenere il movimento delle Sardine che sta inondando il nostro Paese. Crediamo sia giunto il tempo di agire come cittadini attivi e responsabili per ricostruire il dialogo democratico eliminando le parole di odio e raccontando l’Italia con parole nuove!”. Si presentano così le sardineAtlantiche, con un post pubblico nel gruppo di Facebook usato per promuovere l’iniziativa e la manifestazione.

Manifestazioni delle sardine in piazza sono in programma per i prossimi giorni anche in Belgio e in Irlanda. Particolarmente importante l’iniziative prevista per il prossimo 2 dicembre in Belgio, in concomitanza con l’incontro ad Anversa tra il leader della Lega Matteo Salvini e l’omologo fiammingo del partito nazionalista Vlaams Belang.

“Cari populisti, lo avete capito. La festa è finita. Per troppo tempo avete tirato la corda dei nostri sentimenti. L’avete tesa troppo, e si è spezzata. Per anni avete rovesciato bugie e odio su noi e i nostri concittadini: avete unito verità e menzogne, rappresentando il loro mondo nel modo che più vi faceva comodo. Avete approfittato della nostra buona fede, delle nostre paure e difficoltà per rapire la nostra attenzione. Avete scelto di affogare i vostri contenuti politici sotto un oceano di comunicazione vuota. Di quei contenuti non è rimasto più nulla”. Questo il manifesto, reso pubblico il 21 novembre dopo il successo delle iniziative di Bologna e Modena, con cui il movimento delle sardine inizia a darsi un’identità, delle motivazioni e una linea d’azione comune.