Sardine, un magnete necessario

Fulvio Abbate
Sardine in piazza Duomo, Milano

Di cosa parliamo quando parliamo di sardine? Spero non la riedizione delle settimane trascorse in piazza nei passati decenni cercando di abbattere la sagoma di Berlusconi. O qualcuno sta forse suggerendo un possibile replay di un genere militante già visto e soprattutto scaduto? Forse, sarebbe il caso di fare tabula rasa dei pregressi, cercando di ricominciare tutto dall’anno zero. Delle sardine.

Quando parliamo di sardine, dovremmo innanzitutto chiarire a noi stessi che la storia non si ripete, sperando ci sia almeno risparmiato l’ennesimo “attesissimo” film di Nanni Moretti o affini, pronto a certificare l’esistenza di un ideale cordone sanitario di anime belle e ragazzine giunte dai ceti medi riflessivi, sicure della propria purezza, pronte a fronteggiare ogni forma di illegalità del Palazzo. Già, se non è questa retorica...

Quando parliamo di sardine, dovrebbe essere innanzitutto chiaro, molto semplificando, basterebbe una semplice ampia opposizione al nuovo golem della deriva autoritaria, Matteo Salvini, “Capitano” di se stesso. Costui, da posizione già minoritaria, secessionista, razzista, da creatura invisa per definizione alle creature del Sud, è tuttavia riuscito a ottenere un credito infine nazionale, formalizzando un linguaggio regressivo per il proprio ’68 di destra, a fronte dei partiti storici di sinistra e di centro svaniti nel nulla nel frattempo. Pensieri e parole disgustosi e insieme ammalianti, assodato che la semplificazione in politica paga tanto quanto il delitto. L’uomo, insomma, possiede il volto e il lessico idonei per andare alla riscossione del consenso.

Quando parliamo di sardine, al di là di un loro possibile riscontro elettorale (certamente da offrire ad altri, forse al Pd?) basterebbe fare caso a un semplice dato, come dire, dinamico: le sardine come flusso “dal basso” (non chiamiamolo movimento, e soprattutto non facciamo simmetrie con i 5 stelle, un corpo eterogeneo, quest’ultimo, in grado di tenere...

Continua a leggere su HuffPost