Sarebbe lui l'esecutore materiale del delitto

·2 minuto per la lettura
Saman Abbas Danish Hasnain
Saman Abbas Danish Hasnain

Danish Hasnain è lo zio di Saman Abbas e al momento è ricercato in tutta Europa per il presunto omicidio della ragazza. Gli inquirenti sono convinti che è stato lui l’esecutore materiale del delitto e lo avrebbe confermato il racconto del fratello della giovane.

Zio di Saman Abbas: ricercato in tutta Europa Danish Hasnain

Danish Hasnain, 33 anni, è lo zio di Saman Abbas e, secondo gli inquirenti, sarebbe anche l’esecutore materiale del suo omicidio. Un uomo molto violento, in grado di terrorizzare tutta la famiglia Abbas e che avrebbe deciso di farsi carico della “punizione” che avrebbe dovuto ricevere la nipote per essersi opposta al matrimonio combinato. Fino a qualche giorno fa si parlava di lui come “un bravo lavoratore“, che non ha mai creato problemi ai vari titolari delle aziende agricole in cui ha lavorato nel corso degli anni. Danish Hasnain ora è ricercato in tutta Europa. Secondo gli inquirenti sarebbe lui l’esecutore materiale del delitto e il racconto del fratello di Saman avrebbe confermato questa versione. La caccia all’uomo è iniziata e prevede la cooperazione internazionale delle forze dell’ordine. Per il momento sono già riusciti ad arrestare un cugino di Saman, anche lui indagato, che è stato fermato in Francia mentre cercava di andare a Barcellona.

Zio di Saman Abbas: sarebbe lui l’esecutore materiale del delitto

Saman Abbas aveva rifiutato il matrimonio combinato stabilito dai suoi genitori. Avrebbe dovuto recarsi in Pakistan per sposare un cugino più grande di lei, ma non voleva, così ha chiesto aiuto agli assistenti sociali, che l’hanno portata in una casa famiglia. La ragazza è poi tornata a casa sua, per prendere documenti e altre cose che le sarebbero servite per partire e andarsene dall’Italia in compagnia del suo fidanzato. La sua voglia di vivere in modo occidentale e soprattutto in modo libero non è piaciuta alla sua famiglia. Lo zio di Saman sarebbe stato incastrato dalle chat sospette, ma anche dal racconto del fratello 16enne della ragazza. “Ora vi dico tutta la verità. Mio zio Danish ha ucciso Saman” ha raccontato il giovane agli inquirenti. “Ho paura di lui, perché mi ha detto che se io avessi rivelato ai carabinieri quanto successo, mi avrebbe ammazzato. Ho pensato anche di ucciderlo mentre dormiva, visto ciò che ha fatto. Ma poi ho pensato che sarei finito in prigione. Ed era meglio che intervenissero i carabinieri” sono state le parole del ragazzino, che si trova in una struttura protetta.

Zio di Saman Abbas: la “punizione” per la nipote

Danish Hasnain, secondo quanto riportato dal Corriere della Sera, insisteva molto sul fatto che la nipote “non rispettava gli obblighi religiosi del Ramadan“. Era categorico sulle regole imposte dalla famiglia, che lui stesso terrorizzava. L’uomo ha voluto dare una “punizione” a sua nipote, che secondo lui era troppo ostinata a voler vivere una vita scelta da lei, in totale libertà e molto lontana dalle regole del suo Paese. Il rifiuto al matrimonio combinato potrebbe essere la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Secondo gli inquirenti in questo momento Hasnain sarebbe ormai braccato. Un carabiniere del Reparto operativo diretto da Stefano Bove ha spiegato che sicuramente per lui è molto difficile riuscire a trovare degli aiuti, in più non ha l’automobile e non può usare il cellulare.