Sassoli: "Delusi delle conclusioni sull'Afghanistan. Non fingiamo che la questione non riguardi l'Ue"

·1 minuto per la lettura
(Photo: PATRICK HERTZOG via Getty Images)
(Photo: PATRICK HERTZOG via Getty Images)

“Siamo rimasti molto delusi dalle conclusioni del Consiglio Affari interni di ieri. Abbiamo visto Paesi fuori dall’Unione europea farsi avanti per offrire accoglienza ai richiedenti asilo afghani, ma non abbiamo visto un solo Paese membro fare altrettanto”. Cosi il presidente del Parlamento europeo, David Sassoli, nel discorso di apertura del Forum Strategico di Bled, in Slovenia. “Non possiamo fare finta che la questione afghana non ci riguardi, perché′ abbiamo partecipato a quella missione condividendone obiettivi e le finalità”, ha aggiunto Sassoli.

Le conclusioni cui si riferisce Sassoli possono essere sintetizzate in una frase pronunciata dalla commissaria europea agli Affari interni, Ylva Johansson: “Dobbiamo aiutare gli afghani in Afghanistan”. Nessuna quota di migranti da accogliere è stata proposta, nessun corridoio umanitario, ma si è parlato principalmente di un sostegno, anche cospicuo ai Paesi limitrofi, affinché accolgano i rifugiati.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Leggi anche...

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli