Sassoli a Marzabotto: no confusione tra vittime e carnefici

Adm

Roma, 6 ott. (askanews) - E' giusto condannare il totalitarismo in generale, ma non si può fare "confusione tra vittime e carnefici" per quanto riguarda la seconda guerra mondiale. Lo ha detto il presidente del Parlamento europeo David Sassoli a Marzabotto, intervistato dal Tgr Rai. "Che non ci debba essere il totalitarismo in Europa mi sembra un buon motivo di battaglia, che si faccia confusione rispetto alla seconda guerra mondiale tra vittime e carnefici, questo credo sia molto confuso".

Parlando del padre, prima prigioniero dei nazisti e poi impegnato con le truppe russe, Sassoli ha aggiunto: "Se qualcuno gli avesse detto che la sua guerra contro i nazisti, la guerra che stava impegnando i soldati dell'armata rossa fosse stata un giorno equiparata e associata - anche solo di sfuggita! - alla criminalità nazista, cosa avrebbe pensato?".