Savatteri (Makari): "Caso Palermo surreale ma bastava buon senso"

(Adnkronos) - "Una vicenda davvero surreale, ma sarebbe bastato usare un pizzico di buon senso...". Così lo scrittore siciliano Gaetano Savatteri, autore dei romanzi da cui è stata tratta la serie televisiva 'Makari' in onda su Rai1, commenta all'AdnKronos quanto accaduto ieri a Palermo - dove si votava oltre che per i referendum sulla giustizia anche per eleggere il nuovo sindaco al termine dei due mandati di Leoluca Orlando - con la defezione in massa di presidenti di seggio in concomitanza con la finale di calcio che si disputava allo stadio 'Barbera' della Favorita, decisiva per la promozione in serie B del club rosanero, poi ottenuta e festeggiata fino a tarda notte.

"Sarebbe stato sufficiente il semplice spostamento della partita, che era simbolica per l'intera città - osserva Savatteri - Era prevedibile che la grande attesa per questa gara e per la promozione del Palermo avrebbe avuto un impatto anche sulla composizione e sulla presenza dei componenti ai seggi elettorali. Tra l'altro, in tanti hanno pensato che la partita sarebbe stata spostata, anticipata o posticipata di un giorno. Ma questo poi non è avvenuto, forse per esigenze di audience tv. Sicuramente, è stata una domenica che ha visto troppe cose 'in gioco', nel vero senso della parola. Forse quando si vota, non basta il silenzio elettorale, serve anche il silenzio calcistico... ".

(di Enzo Bonaiuto)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli