Save the Children: bimbi muoiono, no cure fuori da Striscia Gaza -2-

Dmo/Red
·1 minuto per la lettura

Roma, 31 lug. (askanews) - Attualmente ci sono più di cinquanta bambini malati di cancro in tutta Gaza, quindici dei quali sono in gravi condizioni e potrebbero non sopravvivere senza ricevere delle cure immediatamente. Né la chemioterapia né i trattamenti di radiologia sono disponibili a causa delle restrizioni israeliane ai farmaci che entrano a Gaza. Questo l'allarme di Save the Children, l'Organizzazione che da oltre 100 anni lotta per salvare i bambini e garantire loro un futuro, in seguito all'annuncio dei piani di Israele di annettere parti della Cisgiordania che ha ridotto le possibilità, già estremamente limitate, di ottenere l'autorizzazione per lasciare Gaza per chi ha bisogno di cure salvavita, a causa della fine del coordinamento tra funzionari israeliani e palestinesi. Il sistema sanitario di Gaza sull'orlo del collasso dopo tredici anni di blocco e l'ulteriore tensione causata dalla pandemia di COVID-19 stanno mettendo in pericolo la vita dei minori. (Segue)