Saviano: Salvini-Berlusconi agenti di Putin, leader Lega: querelo

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 27 ago. (askanews) - "Io ho sempre difeso l'interesse nazionale italiano, nel mio Paese e nel mondo, a testa alta. A prendere i soldi dei russi per anni sono stati i comunisti tanto cari a Saviano, non certo i leghisti". Lo ha scritto su Facebook il segretario della Lega, Matteo Salvini, replicando ad un post su Instagram dello scrittore e opinionista Roberto Saviano, che, prendendo spunto dalla notizia giornalistica di una spia russa infiltata nella base Nato di Napoli, accusa, nell'imagine allegata al post, Salvini e Silvio Berlusconi di essere "i reali agenti che hanno agito per Putin senza nascondersi e senza documenti dell'Fsb (il servizio segreto russo, ndr)". E nel testo rincara la dose, scrivendo fra le altre cose che "i più fedeli sostenitori di Putin li abbiamo avuti, per anni, soprattutto in politica".

"Da ministro - ha rivendicato Salvini - ho combattuto le mafie coi fatti, con leggi e sequestri, abbattendone ville e confiscandone patrimoni. C'è chi chiacchiera e copia, c'è chi fa e ottiene risultati. P.S. Caro Roberto, hai vinto una querela che spero servirà a portare soldi a qualche associazione di volontariato che combatte la mafia coi fatti, non con le parole", ha concluso il leader leghista.