Savona la spunta all'Economia con l'ok anche di Di Maio. Giorgetti alle Infrastrutture, Fontana sottosegretario a Palazzo Chigi...

Angela Mauro

Giuseppe Conte 癡 da circa mezz'ora nello studio del presidente della Repubblica, quando Matteo Salvini riunisce i suoi a Montecitorio. Il via libera a Paolo Savona ministro dell'Economia sarebbe arrivato e anche i 5Stelle sono d'accordo. La condizione che poneva il Carroccio era proprio questa: Conte premier, indicato dai pentastellati, e Savona in quota Carrroccio. Altrimenti, hanno ripetuto pi羅 volte, "salta tutto".

Ora, che il premier indicato sta per essere incaricato da Sergio Mattarella, e Savona l'avrebbe spuntata, la Lega vuole incassare ancora di pi羅 in termini di posti chiave nel nuovo governo con il M5s. Ma Luigi Di Maio non 癡 tanto d'accordo. E infatti a sera una quadra ancora non c'癡.

Lo schema a cui lavorano Salvini e i suoi 癡 chiaro. Non basta all'Economia Paolo Savona, il prof anti-euro pi羅 che chiacchierato per il suo sogno di uscita dalla moneta unica. Salvini vuole anche dicastero dei Trasporti, che alla fine i 5Stelle avrebbero ceduto, in cambio per簷 di avere la Difesa. Giancarlo Giorgetti, capogruppo alla Camera e plenipotenziario di Salvini che alcune voci di queste ultime ore volevano all'Economia, sarebbe proprio destinato alle Infrastrutture e Trasporti, ministero chiave in materia di immigrazione perch矇 癡 il dicastero da cui dipende la guardia costiera, quella che - pi羅 della Marina - ha a che fare con le ong che si occupano di migranti in mare e con gli sbarchi dall'Africa.

Non 癡 finita. Naturalmente Salvini andrebbe al Viminale, come noto da tempo. Lorenzo Fontana, vicesegretario della Lega, fedelissimo di Salvini, ex eurodeputato ora eletto alla Camera, sarebbe invece il nuovo sottosegretario alla presidenza del Consiglio del governo giallo-verde con deleghe pesanti. Mentre il grillino Vito Crimi, anche lui in pole per diventare sottosegretario avrebbe la delega ai Servizi segreti. Infine Gianmarco Centinaio, capogruppo al Senato, andrebbe al ministero Cultura e Turismo, un unico ministero nello schema leghista, anche...

Continua a leggere su HuffPost