Scala dei Turchi danneggiata: individuati i responsabili

·2 minuto per la lettura
Trovati i responsabili del danneggiamento della Scala dei Turchi (Photo by Archeoclub D'Italia / Handout/Anadolu Agency via Getty Images)
Trovati i responsabili del danneggiamento della Scala dei Turchi (Photo by Archeoclub D'Italia / Handout/Anadolu Agency via Getty Images)

Sono stati individuati i responsabili del danneggiamento della Scala dei Turchi, uno dei luoghi più suggestivi della Sicilia, che negli scorsi giorni era stata imbrattata con ossido di ferro in polvere.

A renderlo noto sono i Carabinieri della compagnia di Agrigento che, dopo essere venuti a conoscenza del danneggiamento della scogliera, si sono messi al lavoro coordinati dal maggiore Marco La Rovere per incastrare gli autori del gesto. Grazie alle immagini del sistema di video-sorveglianza e gli accertamenti mirati sulla vendita del prodotto utilizzato per imbrattare la scogliera di marna bianca le operazioni hanno permesso di restringere in maniera decisiva il cerchio in pochi giorni.

L'ipotesi di reato, si legge nei media locali, è quella di danneggiamento di un bene avente valore paesaggistico. La sostanza di colore rosso utilizzata dai vandali era ossido di ferro in polvere e solo grazie al lavoro di alcuni volontari è stato possibile eliminarla restituendo alla Scala dei Turchi il suo aspetto originario.

VIDEO - Volontari ripuliscono la Scala dei Turchi

 "Ripulire la Scala dei Turchi è una bella pagina della ‘meglio gioventù' siciliana”, aveva detto il procuratore capo di Agrigento, Luigi Patronaggio, commentando l'opera dei tanti volontari che si sono dati da fare, muniti di scope e stracci, per rimuovere la polvere di ossido di ferro che aveva rovinato la scogliera.

La sindaca di Realmonte, commentando il gesto dei vandali, ha detto: "L'azione di un folle, gesto ingiustificabile e completamente senza senso".

La scogliera, imbrattata nella notte tra venerdì e sabato, è uno dei luoghi più suggestivi della Sicilia che ogni anno accoglie migliaia di visitatori da tutto il mondo. Nell'ultimo periodo, da febbraio 2020, era stato indetto l'ingresso ad una parte della Scala dei Turchi a causa dei continui furti di marna che avevano reso instabile l'intera scogliera e dunque anche a rischio crollo.

LEGGI ANCHE - "La Scala dei Turchi invasa da turisti abusivi ma zero controlli"

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli