Scalfarotto: "Era mio dovere andare a Regina Coeli"

webinfo@adnkronos.com

"Da quando ieri sera il Ministro dell’interno ha rilanciato il mio post su Facebook, in pochissime ore più di 340 mila persone lo hanno letto e sono raggiunto da messaggi il cui tenore si può facilmente immaginare e di cui vedete qui sotto qualche esempio". Inizia così, con il riferimento ai tanti post di insulti al suo indirizzo, il lungo post di Ivan Scalfarotto, che ha deciso di chiarire le ragioni dell'ispezione a Regina Coeli dove si trovano i due fermati per l'omicidio del vice brigadiere Mario Cerciello Rega. Gesto, quello del deputato, che ha sollevato non poche polemiche, a partire dal ministro Salvini e passando per Carlo Calenda. 

"Devo dire al Ministro e ai suoi comunicatori - continua Scalfarotto - che la politica dell’intimidazione non funziona con tutti e che, per quanto mi riguarda, fatta una scelta sono disponibile a discuterla nel merito, anche a cambiare idea, ma certo non a rinnegarla per paura di attacchi organizzati di questo tipo. Detto questo, ritorno volentieri su quanto riportava “La Stampa” di ieri sulla mia ispezione (non “visita”: ispezione) a Regina Coeli. Un’ispezione uguale a quella che ogni parlamentare ha diritto, e secondo me dovere, di compiere in tutte le carceri italiane, anche senza preavviso, perché è previsto dalle nostre leggi che i rappresentanti del popolo verifichino le condizioni in cui lo Stato tratta anche i criminali più efferati". 

Per l'onorevole dem, "la differenza tra la barbarie e la civiltà sta infatti in un principio che risale al 1200. Si chiama “habeas corpus” e indica che nessuna persona che si trova nella custodia dello Stato può essere punita in alcun modo se non in forza di un giudizio legale. È un principio che in Italia abbiamo custodito gelosamente ed che è profondamente parte della nostra cultura: “Siamo il Paese di Cesare Beccaria”, sentiamo spesso dire. È un principio - continua - che in questi mesi la maggioranza di governo ha indebolito inesorabilmente: promuovendo con grande successo l’idea che esseri umani possano essere lasciati a rischio di annegare in mare senza soccorso o siano abbandonati per settimane a bruciare al sole sul ponte di una nave. O rilanciando e plaudendo via Twitter a una foto certo non all’altezza del nostro paese: quella di un prigioniero, accusato di un gravissimo crimine, ammanettato e bendato. Una foto che purtroppo ha fatto il giro del mondo". 

"Sono state le forze dell’ordine, non Salvini, a stigmatizzare quella foto. E un certo establishment, prontissimo a riposizionarsi - spiega ancora -, non è stato purtroppo da meno della politica: abbiamo letto di giornalisti che auspicavano la pena di morte e di personalità che avrebbero considerato adeguati all’occasione lunghi pestaggi nei commissariati. Come la rana nella pentola di acqua calda, stiamo accettando - dice - che tutto questo diventi accettabile, parte della cultura popolare dominante, senza pensare che si tratta di un affievolimento progressivo e letale dei nostri principi democratici che va fermato subito, ora, prima che sia troppo tardi". 

"'Bisogna ascoltare il popolo', mi dice invece qualche amico in queste ore. Io non penso che sia così semplice: penso - scrive ancora Scalfarotto - che chi ha responsabilità pubbliche non debba solo accodarsi all’opinione pubblica, specie quando la politica ne solletica le reazioni più emotive. Penso che chi fa politica, se ci crede davvero, debba testimoniare i propri valori anche quando - anzi soprattutto quando - quei valori sono impopolari. È la mia posizione personale - sottolinea il deputato -. Non la posizione del Partito Democratico o del gruppo PD alla Camera, lo voglio dire con chiarezza, anche se auspico che la mia comunità voglia restare presidio inossidabile e saldissimo di questi valori, senza cedimenti, anche in questi tempi così bui e complicati. Che la salvaguardia dello Stato di diritto non sia mai, mai, messa in secondo piano per motivi di opportunità politica: farei fatica a raccapezzarmi. E dunque sono andato a Regina Coeli non per “visitare” qualcuno, ma per verificare che la Repubblica Italiana sia ancora quella che sta scritta nella Costituzione. La mia - insiste - non è stata in nessun senso una “visita”, il mio è stato un gesto politico". 

"In carcere - continua - ho trovato la nostra Repubblica in condizioni molto migliori di come la dipingano o la auspichino Salvini e la sua comunicazione: posso testimoniare - non solo al nostro Paese ma al mondo intero, come ho già fatto - che la nostra polizia penitenziaria sta svolgendo il proprio lavoro con la straordinaria professionalità e dedizione che ha da sempre, nonostante la carenza di risorse, il sovraffollamento, e la vetustà delle strutture. Questo significa che posso anche testimoniare direttamente al nostro Paese e al mondo che l’Italia ha tutte le risorse e le caratteristiche perché il terribile omicidio che è stato commesso sia giudicato e punito qui e non all’estero. Nonostante le destre, siamo ancora un paese i cui standard di civiltà non temono alcun confronto". 

Poi l'ultima annotazione, dedicata alla vedova del vice brigadiere ucciso e in risposta a quanti chiedevano perché il deputato non fosse andato a visitare la donna: "Un’ultima cosa, ora, la più importante di tutte. Molti - scrive - mi hanno chiesto se sono andato a trovare la vedova di Mario Cerciello Rega. La risposta è che no, non l’ho fatto, per discrezione e rispetto. Perché non penso che tutti i politici di ogni ordine e grado debbano sempre dire una parola su tutto o imporre la propria presenza in ogni caso - il più delle volte un silenzio composto è più rispettoso e vero di mille parole di circostanza. Certo non perché non vorrei poter portar loro la mia solidarietà, la mia costernazione e la mia profonda gratitudine per il servizio che Mario ha reso al Paese. Ma posso assicurare - sottolinea infine il dem - che se mi sarà data l’opportunità di farlo, quella sarà l’unica “visita”, commossa e sentita, per la quale in questa tristissima occasione si potrà mai usare questo nome".